Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

La sentenza

Corte Costituzionale blocca sfratti

Social Housing a Firenze, accordo per alloggi ad affitti veramente sociali
Foto: foto da Pixabay.com
  • a
  • a
  • a

Sunia-Sicet-Uniat: "Bene la decisione della Consulta che ha legittimato la sospensione degli sfratti per morosità incolpevole in piena pandemia"

La Corte costituzionale ha bocciato oggi le questioni sollevate dai Tribunali di Trieste e di Savona sulla legittimità costituzionale delle norme (articolo 13, comma 13, del dl n. 183/2020 e articolo 40-quater del dl n. 41/2021, che hanno fissato termini di proroga per i provvedimenti di rilascio per morosità di immobili, per l`emergenza Covid-19.

In attesa del deposito delle motivazioni l'importante sentenza fa giustizia anche delle scomposte e ripetute pressioni di chi da tempo agitava lo spauracchio della incostituzionalità". Così dichiarano in una nota unitaria i segretari generali: Stefano Chiappelli, Sunia; Antonio Falotico, Sicet, Augusto Pascucci, Uniat.

I sindacati degli inquilini, che da tempo hanno rivendicato equilibrio su un tema così delicato e drammatico, esprimono soddisfazione e apprezzamento ma fanno rilevare che gli sfratti già ripresi in larga parte a luglio ed a settembre saranno tutti in esecuzione dal prossimo dicembre.

"Occorre rilanciare con forza e decisione la graduazione degli sfratti e la rinegoziazione dei contratti e in tal senso facciamo appello alle Prefetture ed ai Comuni, alcuni dei quali sono usciti dall'impasse dovuto alla campagna elettorale, per l’immediata convocazione di tavoli per affrontare il problema", rilevano ancora i tre dirigenti sindacali.