Un altro decesso sul lavoro si è verificato a Scafati, in provincia di Salerno. Il secondo, in 48 ore in Campania. Lo riferiscono le agenzie di stampa. Un operaio di 22 anni stava sollevando con una carrucola alcune lastre in acciaio, quando una di queste l'ha travolto colpendolo a morte.

Questa la prima ricostruzione dell’incidente, avvenuto nel primo pomeriggio. A quanto si apprende, l’operaio era impegnato nei lavori di rifacimento della facciata di un condominio nel centro cittadino di Scafati. Sul posto sono arrivati sanitari del 118, ma non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso.

Cgil Salerno: “Un lutto continuo e perpetuo. Lo Stato ci dica se c’è e da che parte sta”

“Non è compito della Cgil – si legge nel comunicato sindacale – scendere nel dettaglio della dinamica. Non è compito nostro seguire le indagini. I perché e i per come verranno stabiliti dalle autorità preposte che hanno aperto le indagini”.

“Invece è nostro compito intervenire sulla ennesima tragedia umana che si è consumata poche ore fa su un cantiere. Alla famiglia e ai propri cari va il più sincero cordoglio della Cgil Salerno e di tutte le sue categorie”.

“Piangiamo un altro figlio – commenta Antonio Apadula, segretario generale della Cgil Salerno –. Lo facciamo senza più lacrime. C’è dolore e c’è rabbia. Questo ragazzo giovanissimo è uscito di casa per andare a lavoro e tornerà a casa in una bara. A quante scene come questa dobbiamo ancora assistere affinché in questo Paese, da nord a sud, cambino le regole e venga garantita sicurezza nei luoghi di lavoro? È una mattanza, un lutto continuo”.

“Ci stringiamo al dolore della famiglia di questo giovane ucciso sul lavoro con la complicità di quanti tacciono davanti all’assenza di regole precise che possono azzerare queste tragedie che quasi mai derivano da una incontrollabile fatalità. Lo Stato ci dica se c’è e da che parte sta”.

“Un altro decesso prematuro che andrà ad ingrossare le statistiche fredde e asettiche di morti impunite senza che nessuno paghi per questi ‘omicidi’. Mille e quarantuno sono i morti dello scorso anno – spiega Luca Daniele, segretario generale Cgil Fillea –. Dall’inizio di quest’anno sembra che l’incidenza dei casi sia ancora maggiore. Appalti, subappalti, nessuna regola precisa, poche norme rispettate. Stiamo chiedendo a gran voce e da anni una maggiore tutela dei diritti dei lavoratori, a partire dalla sicurezza, passando per il contrasto al lavoro precario e senza tutele, fino alla richiesta di assunzione di almeno 10mila nuovi ispettori del lavoro. La politica adesso è tenuta a dare un segnale chiaro e forte se vuole sperare di potersi definire ancora un Paese civile”.

Leggi anche

Lavoro

Operaio muore in un’impastatrice del cemento nel Casertano

Il fatto in un cantiere per la fibra ottica a Cancello e Arnone. L’uomo, Raffaele Boemio, dipendente della Dap di Nola, 62enne, era a pochi mesi dalla pensione

Operaio muore in un’impastatrice del cemento nel Casertano
Operaio muore in un’impastatrice del cemento nel Casertano