Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Rassegna stampa internazionale

Esercizi di potere

Foto: Luis Quintero, Pexels
Maria Teresa Polico
  • a
  • a
  • a

L'Africa intende contrastare il “nazionalismo vaccinale” dell'occidente con una nuova “sicurezza dei vaccini”; il presidente in Brasile, sotto inchiesta per diffusione di notizie false, mobilita i suoi sostenitori nelle strade, inclusi i militari e gli evangelici; il disegno di legge in California che prevede limitazioni di quote di produttività nei magazzini potrebbe cambiare le pratiche del lavoro ad Amazon; le reazioni nel mondo all'annuncio dei Talebani del nuovo governo afghano; milioni di posti di lavoro a rischio senza un piano chiaro su come gestire la transizione verso un'economia a bassa emissione di carbonio

Jair Bolsonaro minaccia la democrazia in Brasile
Le Monde, 9 settembre 2021


Si diceva che fosse stato messo alle strette, che vacillasse, che fosse sull'orlo del baratro, indebolito da un’impopolarità record, sottoposto a numerose inchieste giudiziarie e crisi continue. Ma forse lo si è sepolto troppo presto. Contro ogni previsione, Jair Bolsonaro è riuscito a mobilitare, martedì 7 settembre, i suoi sostenitori in massa nelle strade del Brasile, in occasione della festa dell'indipendenza nazionale. In un clima di colpo di stato, decine di migliaia di manifestanti hanno marciato un po' ovunque per difendere il loro presidente in difficoltà. La più grande manifestazione ha avuto luogo a San Paolo, la capitale economica e la più grande metropoli del paese, lungo la Paulista, la strada delle banche, dei musei e dei luoghi di potere. E dove, per tradizione, si svolgono le grandi mobilitazioni popolari. Secondo la polizia, erano più di 125.000, sotto il sole e in un'atmosfera carnevalesca, tra birre fredde e grigliate, bandiere verde oro e maglie della Seleçao. L'eroe Jair Bolsonaro è stato raffigurato su palloncini, t-shirt e mascherine, con arma alla mano come un valoroso soldato, a cavallo come un cowboy, come Hulk e altri personaggi Marvel o come un santo, circondato da Gesù e dal leone di Giuda.

 “Bolsonaro è perseguitato”

Tutto è stato orchestrato perfettamente. La mobilitazione è stata preparata per settimane, organizzata ai vertici più alti dello Stato. Negli ultimi giorni decine di autobus sono arrivati a San Paolo. La parola d’ordine è stata: “Abbasso la giustizia!”, accusata di intralciare l'azione del presidente. “Il Tribunale Federale Supremo è infiltrato dai comunisti. Vogliono che diventiamo come il Venezuela, Cuba o la Corea del Nord: paesi distrutti!”, afferma Gilson, 54 anni, vigile del fuoco in pensione, con indosso un berretto arancione.
Alexandre de Moraes, uno degli undici giudici del Tribunale Federale Supremo, è il bersaglio della vendetta popolare, bestia nera dei manifestanti, raffigurato come un vampiro o un talebano. Il suo peccato imperdonabile è stato aver ordinato ad agosto l'apertura di un'inchiesta contro Jair Bolsonaro per aver diffuso notizie false. Bolsonaro viene anche condannato per essersi opposto al ritorno della documentazione cartacea nei processi elettorali, vecchia antifona dei sostenitori del presidente.
“Sì alla democrazia! Sì alla libertà!”, ha scritto, in portoghese e in inglese, Ida Silva, 39 anni, sul suo cartello. Molti slogan sono scritti in lingue straniere. “Il nostro messaggio che trasmettiamo al mondo è dimostrare che le persone oneste e laboriose sono con Bolsonaro e non con il Partito dei Lavoratori di Lula!”, protesta il manifestante.  Peccato che solo un quarto dei brasiliani oggi approva l'azione del presidente.
“Bolsonaro è perseguitato per essersi rifiutato di distribuire tangenti! Ha gestito perfettamente l'epidemia da Covid”, crede Lucielma, avvolta in una bandiera brasiliana. Claudio, arrivato da Curitiba, 400 chilometri più a sud, difende la politica a favore delle armi. “Non c’è abbastanza polizia, ci sono molti criminali. Ha ragione Bolsonaro: il popolo deve avere il diritto di difendersi!”. L’opinione è condivisa da molti produttori rurali presenti nella manifestazione.
L'intera galassia bolsonarista si è riunita lungo la Paulista. Si scorgono croci evangeliche tra i motociclisti in giubbotto di pelle. “Bolsonaro rappresenta il progresso. Vogliamo che i cambiamenti iniziati continuino!”, afferma Wagner, barba folta e casco in mano, arrivato per manifestare con il figlio. “Bolsonaro è dalla parte dell'amore e di Dio. Prego per il Brasile e quindi per lui!”, aggiunge Gustavo, un giovane cristiano battista di 25 anni dall'aria saggia, in maglietta gialla.
Ma le “star” del corteo sono senza dubbio questi soldati di riserva, vestiti di tute, stivali da commando e berretti aderenti. Waldir, 58 anni, ex soldato di cavalleria, si è dipinto il viso con la pittura mimetica e non nasconde la sua nostalgia per la dittatura.  “Sotto il regime militare tra il 1964 e il 1985 l'autorità era rispettata. Oggi, solo l'esercito è in grado di riportare l'ordine. Abbiamo urgente bisogno di un intervento militare per preservare la democrazia ', afferma senza battere ciglio.

Millenari e monarchici

Nella folla variopinta, ci sono gruppi ancora più pericolosi. Sono i millenaristi, fan della rete del complottismo QAnon, che sono anche monarchici, li si riconosce dallo stendardo imperiale stampato con la croce lusitana. “Vogliamo approfittare dell’opportunità. Pensiamo che la caduta della Repubblica sia vicina. Bolsonaro è solo una transizione”, insistono Thago e Gabriel, rispettivamente 21 e 19 anni, attivisti “orleanisti” a favore di una “monarchia feudale e cattolica, dapprima dell'Illuminismo”.
Le foto e i video sono subito condivisi in massa sui social network. Anche gli youtuber di estrema destra, con il loro look hipster accurato, si sono presentati in gran numero. Il presidente ha fatto loro un bel regalo prima della manifestazione, firmando, all'ultimo minuto, un decreto che limita la moderazione delle reti sociali da parte dei provider. La strada è libera per le "fake news".
Di fronte alla folla, la polizia di Sao Paolo, vestita di grigio, ha mantenuto le distanze. Sono stati mobilitati 3.600 poliziotti, dotati di 1.400 veicoli, 100 cavalli, due elicotteri e quattro droni. Si pensa che molti dei manifestanti, dell'esercito o della polizia, siano venuti armati alla manifestazione. La prospettiva di una guerra di strada ha fatto preoccupare le autorità per settimane. Il Tribunale federale ha ordinato, il giorno prima della marcia, una serie di perquisizioni e detenzioni preventive.
Ma alla fine, nonostante la presenza di una contro manifestazione di sinistra nelle vicinanze, non ci sono stati veri e propri tafferugli. Lunedì notte, alcune centinaia di bolsonaristi erano riusciti a sfondare con dei camion i blocchi della polizia a Brasilia e ad entrare nella spianata dei ministeri, una magra vittoria per l'autoproclamato "esercito di Bolsonaro".
Il presidente sta arrivando. È sceso dall’elicottero verso le 16, come un messia sceso dal cielo. Ha minacciato per settimane di far salire una tensione senza precedenti, arrivando a far sfilare carri armati a Brasilia o a condividere, il 14 agosto su WhatsApp, un messaggio che prevede l'arrivo di un "probabilissimo contro colpo di stato necessario". Non poteva essere più esplicito di così.
Ma, martedì, il presidente si è trattenuto davanti ai suoi seguaci. Il giudice Alexandre de Moraes è stato descritto come una "canaglia" e le elezioni democratiche del 2022 come una "farsa". "Solo Dio mi toglierà il potere. Non sarò mai fatto prigioniero", ha urlato il presidente da un carro armato. Ma non c'è stato nessun appello all'insurrezione. Bolsonaro ha persino annunciato una riunione del Consiglio della Repubblica il giorno dopo, riunendo le principali autorità dello stato brasiliano.
È stato sufficiente per allentare le tensioni, per poi andarsene rapidamente. I manifestanti tornano a casa. Non c’è stata la grande notte e la “presa del Campidoglio in Brasile” dovrà aspettare. È stato l’ultimo sforzo del bolsonarismo moribondo? Oppure è stata una prova generale, solo per contare le forze? Ricardo, 45 anni, dipendente pubblico, è venuto a manifestare da solo, scruta l'orizzonte nel sole che tramonta e dice: "Speravo in un discorso più radicale. È un peccato. Bolsonaro ha deciso di dare al sistema un'ultima possibilità". Ma le elezioni presidenziali sono lontane un anno, ci ricorda: "Questo è solo l'inizio.”

Per leggere l'articolo originale: Au Brésil, Jair Bolsonaro menace la démocratie

La nuova strategia globale per la nuova salute pubblica: ogni paese per sé
Politico, 6 settembre 2021

Se c’è una lezione che i paesi poveri hanno imparato dalla pandemia del coronavirus è che non possono fare affidamento sull’aiuto degli altri. A differenza di malattie come l’anchilostoma o la malaria, che affliggono soprattutto i poveri che soffrono perché manca un’emergenza per eradicarle, il coronavirus si è rivelato un problema del primo mondo. Ma questo ha significato che i governi ricchi si sono accaparrati i vaccini, i ventilatori e l’ossigeno. Questa realtà, il bisogno di risorse a livello globale e il fatto che i paesi ricchi le abbiano accumulate durante la pandemia, ha portato a un giro di strette di mano tra gli esperti di salute pubblica. Ma mentre i politici, i funzionari delle Nazioni Unite ed alcuni governi europei chiedono nuove linee guida per aiutare il mondo a fare meglio la prossima volta, i paesi ricchi continuano a ignorare le indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e gli sforzi inutili del piano Covax per garantire un accesso equo ai vaccini. Di conseguenza, i paesi dell’Africa e di altre regioni meno sviluppate si sentono abbandonati dal sistema sanitario globale e stanno iniziando a pensare cosa possano fare da soli. “Il continente non sta aspettando senza fare nulla nell’attesa di essere salvati dal piano Covax”, ha affermato John Nkengasong, virologo camerunense e direttore dei Centri per la Prevenzione e il Controllo della Malattia in Africa.

Più veloce del Covax

Quando l’Unione Africana si è resa conto che il piano Covax non avrebbe consegnato i vaccini, si è data da fare per creare l’African Vaccine Acquisition Task Team. La squadra ha firmato un accordo per 400 milioni di dosi di vaccino Johnson & Johnson, mentre il piano Covax incontrava difficoltà a ricevere le dosi promesse dal vaccino Oxford/AstraZeneca.
Il coordinatore della task force nigeriana per il coronavirus ed ex direttore generale dell’Agenzia Nazionale in Nigeria per il controllo dell’Aids, Sani Aliyu, ritiene che gli accordi conclusi dall’Unione Africana sui vaccini siano stati, in realtà, “migliori e probabilmente più veloci del sistema CovaX”. Il problema maggiore è stato la mancanza di vaccini da acquistare. Il fatto che in interi continenti non si producano vaccini è stato fortemente evidenziato durante la pandemia. L’Africa, non avendo la capacità di produrre vaccini propri, ha dovuto fare affidamento sulle spedizioni (e sulla buona volontà) di altri. Il problema è diventato particolarmente acuto quando l’India ha bloccato le esportazioni del vaccino Oxford/AstraZeneca, su cui si basava il sistema Covax, facendo, così, dipendere molti paesi da un flusso piccolo di donazioni di vaccini. Alcuni paesi africani stanno cercando di cambiare il mercato dei vaccini in modo definitivo, mirando alla produzione non solo di un vaccino anti Covid, ma forse anche ad un vaccino più avanzato mRNA per la TBC o l’HIV. È improbabile che il nuovo coronavirus sarà l’ultimo a spazzare via il mondo, perciò l’Africa ha bisogno di avere il controllo della produzione dei vaccini, afferma Petro Terblanche, amministratrice delegata della società sudafricana Afrigen, che formerà altri a produrre i vaccini mRNA come parte di un nuovo centro di condivisione nel paese, sostenuto dall’OMS e primo nel suo genere. Lei dice che la motivazione di fondo è contrastare il “nazionalismo vaccinale” dell’occidente con una nuova “sicurezza dei vaccini” per l’Africa.
Il Senegal sta costruendo una fabbrica per produrre vaccini anti Covid – 19, nell’intento di produrre 25 milioni di dosi entro la fine del 2022. Il Ruanda spera di attrarre investimenti per la produzione di vaccini. Nel mese di aprile, l’Unione Africana e il Centro per il controllo delle malattie in Africa hanno avviato un partenariato con l’obiettivo di far produrre nel continente africano il 60% dei vaccini necessari entro il 2040.

“Prenditi cura di te stesso”

La discussione in Europa e negli Stati Uniti è stata rivolta a come riparare il sistema sanitario globale in modo che funzioni meglio in futuro, ma nel sud del mondo la fiducia è stata compromessa. Il presidente americano Donald Trump non ha fatto mistero dei suoi piani di risposta alla pandemia basati sul “me first”. Invece, l’Europa ha dichiarato che “nessuno è al sicuro se tutti non sono al sicuro” e ha organizzato raccolte di fondi per dare una risposta globale. Eppure, gli africani non hanno visto questo tradursi in aiuti concreti da parte dei loro ex colonizzatori convertiti in partner dello sviluppo. Peter Waiswa, ugandese, esperto di salute pubblica e membro del gruppo consultivo per l’immunizzazione del paese, ha detto che "il covid ha fatto uscire allo scoperto l'Occidente".  Ha indicato i paesi che hanno accumulato i vaccini o che si sono rifiutati di riconoscere le versioni prodotte in India del vaccino Oxford/AstraZeneca. "Questo non è il tipo di Occidente che ci hanno insegnato a credere. Ci hanno insegnato a credere che sono democratici ed equi", ha affermato Waiswa. Alcuni paesi più ricchi ammettono che esiste un problema. La Francia e la Germania stanno guidando un’azione volta a "rafforzare" l'Organizzazione Mondiale della Sanità, uno sforzo che si è evoluto nella proposta di un trattato sulla pandemia che è stato definito da un gruppo di lavoro. Il portavoce del ministero della sanità tedesco ha detto: "La preoccupazione centrale per la Germania è la crescente discrepanza tra l'aspettativa del mondo nei confronti dell'Oms da un lato, e la capacità di fatto sul piano legale, tecnico e soprattutto finanziario dell’Oms". La questione irrisolta è se questi sforzi faranno la differenza. La pandemia ha mostrato che il fatto che esistano accordi o linee guida, questo non distoglie gli attori del potere a non voler prestare aiuto quando scoppia una crisi.
Lieve Fransen, artefice della risposta umanitaria dell'Unione europea all'epidemia di Aids negli anni '90 e 2000 e fondatore del Fondo globale per la lotta all'Aids, alla tubercolosi e alla malaria, ha detto: "Non esiste una leadership politica responsabile a livello globale". Per i paesi di tutto il mondo, è inevitabile che la pressione politica dia la priorità alla domanda interna. I paesi dell'Unione europea, tra cui Germania e Francia, hanno ignorato continuamente gli appelli dell'Oms, tra cui la richiesta recente di una moratoria sulle terze dosi fino a quando il 10% della popolazione di ogni paese non sarà vaccinata. Prendiamo, ad esempio, l'India. Delhi ha visto inizialmente la pandemia come un'opportunità per mostrare le sue competenze farmaceutiche, vantandosi a fine marzo di aver fornito più vaccini all'estero che in patria. Ma quando, settimane dopo, la variante Delta si è diffusa nel subcontinente, il governo ha fatto rapidamente retromarcia e ha vietato le esportazioni. K. Srinath Reddy, presidente della Public Health Foundation of India, si dispiace quando dice: "Credo che la lezione appresa da tutti i paesi ora, che l'India ricorderà sicuramente, è: prima prenditi cura della tua popolazione e poi vedi se puoi inviare agli altri".

Divario vaccinale

Il problema per l'Africa è che anche se esiste la sua determinazione all'autosufficienza regionale, le risorse e il peso sono un'altra cosa. La scarsa potenza economica, " limita la capacità del continente di influenzare le cose su scala globale ", ha affermato Aliyu della Nigeria ed ha aggiunto: “È bene avere una solidarietà regionale". "Ma è anche importante ... per l'Occidente capire che la cooperazione con i paesi in via di sviluppo è la condizione per fermare le future pandemie". Questo pensiero è stato utile ai paesi poveri in passato. Malattie come Ebola e Zika hanno ispirato i paesi ricchi a stanziare risorse in Africa e America Latina nella speranza di contenere la minaccia delle malattie in questi continenti. L'accesso diseguale ai medicinali per l'Hiv ha portato alla creazione del Fondo Globale. L'epidemia di Ebola del 2014 ha contribuito a stimolare la creazione della Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (Cepi), una fondazione che ha finanziato le prime ricerche sul vaccino per il coronavirus di Moderna. Per Ranu Dhillon, consigliere del presidente della Guinea durante l'epidemia di Ebola Però, il Covid- 19 ha segnato una "regressione" verso un approccio alla sicurezza sanitaria più simile a una fortezza. I paesi occidentali "possono, allontanandosi dal globalismo, essere inclini a guardare al proprio interno per costruire risorse migliori nel loro paese", ha detto Dhillon, ora alla Harvard Medical School.
Anche le Big Pharma stanno resistendo alla maggior parte delle richieste di cooperazione del sud del mondo. Ad oggi, nessuna azienda ha firmato per condividere le conoscenze con il centro sudafricano dell'mRNA o con la fabbrica senegalese per i vaccini anti-coronavirus, anche se BioNTech sta lavorando con il Ruanda e il Senegal in un accordo sostenuto dalla Commissione europea per produrre vaccini sperimentali contro la tubercolosi e la malaria. L’Africa sta superando gli ostacoli posti dal “me first”. Le voci che Johnson & Johnson avrebbe lavorato con il produttore sudafricano Aspen nella cosiddetta fase di produzione fill-and-finish per il vaccino monodose contro il coronavirus si sono rapidamente trasformate in proteste quando si è saputo che l'Europa doveva ricevere circa 10 milioni di dosi dall’Africa entro la fine di settembre. L'ex primo ministro britannico Gordon Brown lo ha definito un "approccio neocoloniale alla salute globale". Secondo l'inviato speciale dell'Unione Africana, Strive Masiyiwa, il piano è stato scartato la scorsa settimana, dopo negoziati veloci tra l'Unione Africana e Bruxelles. "Non ci sarà alcuna condivisione", ha detto ai giornalisti.

Per leggere l'articolo originale: The globe’s new public health strategy: Every country for itself


Le reazioni nel mondo all'annuncio dei Talebani del nuovo governo afghano
Al Jazeera, 8 settembre 2021

Foto: Zuma Press

Gli Stati Uniti esprimono preoccupazione per il “passato” delle persone incaricate di formare il governo, mentre l'agenzia delle Nazioni Unite condanna la decisione di escludere le donne dal governo. I Talebani hanno annunciato un governo tecnico tutto al maschile formato esclusivamente dalle gerarchie interne, tra questi il primo ministro è sotto sanzioni Onu e il ministro degli Interni risulta nella lista dei “terroristi”. Dopo tre settimane dalla vittoria militare dei Talebani e dal ritiro delle forze armate straniere sotto la guida degli Stati Uniti, l'annuncio fatto martedì dei nomi del nuovo governo afghano non dà segnali di porgere un ramo di ulivo ai suoi oppositori. Mullah Mohammad Hasan Akhund, già ministro del governo talebano violento ed oppressivo degli anni '90, è stato nominato primo ministro ad interim, mentre il cofondatore del gruppo Abdul Ghani Baradar, che ha supervisionato l'accordo per il ritiro statunitense nel 2020, è stato nominato vice primo ministro. Sirajuddin Haqqani, uno dei fondatori della rete Haqqani, ritenuto da Washington un “terrorista”, gli è stato assegnato il posto chiave di ministro degli Interni. È tra le persone più ricercate dal FBI a causa del suo coinvolgimento negli attacchi suicida e per i suoi legami con Al Qaeda. Ecco come i paesi e le organizzazioni internazionali hanno reagito all'annuncio.

Stati Uniti

Gli Stati Uniti hanno espresso preoccupazione per “l'affiliazione e il passato” di alcune persone scelte dai Talebani ai posti importanti del nuovo governo in Afghanistan. Il portavoce del dipartimento di Stato ha detto: “Prendiamo atto che l'annuncio della lista di nomi del nuovo governo è formata esclusivamente da membri talebani o da loro collaboratori stretti e non sono presenti donne. Siamo, inoltre, preoccupati dall'affiliazione e dal passato di alcune persone”.  “Capiamo che i Talebani hanno presentato questo governo come un governo ad interim. Tuttavia, giudicheremo i talebani dalle loro azioni e non dalle parole”.

Turchia

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha detto che monitorerà da vicino gli sviluppi in Afghanistan. “Non sappiamo quanto durerà questo governo ad interim. Quello che faremo sarà seguire attentamente il processo”, ha affermato ai giornalisti durante la visita ufficiale nella repubblica Democratica del Congo.

Qatar

Un funzionario qatariota di alto livello ha detto ad Agence France Press che i Talebani mostrano “pragmatismo” e dovrebbero essere giudicati dalle azioni, e ha aggiunto che non c'è alcun dubbio che i Talebani sono i nuovi governanti dell'Afghanistan. Il viceministro degli Esteri Lolwah al-Khater, che non ha annunciato il riconoscimento formale dei nuovi governanti dell'Afghanistan, ha detto dei Talebani: “Hanno dimostrato un grande pragmatismo. Cogliamo le opportunità...e guarderemo alle azioni pubbliche”. “Non esiste alcun dubbio sul fatto che sono i nuovi governanti”.

Le Nazioni Unite

Farhan Haq, portavoce delle Nazioni Unite, ha affermato che l'organismo mondiale non compie atti come il riconoscimento dei governi. "Questa è una questione che spetta agli Stati membri, non da noi. Dal nostro punto di vista, per quanto riguarda l'annuncio di oggi, solo una soluzione negoziata e inclusiva porterà una pace sostenibile in Afghanistan". L'Onu è impegnata "a contribuire a una soluzione pacifica, a promuovere i diritti umani per tutti gli afghani, in particolare per le donne e le ragazze" e a fornire assistenza umanitaria per salvare vite umane.

Ente delle Nazioni Unite per l'uguaglianza di genere e l'empowerment femminile

Pramila Patten, a capo dell'Ente delle Nazioni Unite per l'uguaglianza di genere e l'empowerment femminile, ha detto che l'esclusione delle donne dal nuovo governo afghano da parte dei Talebani mette in discussione il suo impegno "a proteggere e rispettare i diritti" delle donne e delle ragazze. Ha definito la partecipazione politica delle donne "un prerequisito fondamentale per l'uguaglianza di genere e la vera democrazia" e ha detto che "escludendo le donne dalla macchina governativa, la dirigenza talebana ha inviato un segnale sbagliato sull'obiettivo che hanno dichiarato di costruire una società inclusiva, forte e prospera".

Per leggere l'articolo originale: World reacts as Taliban announces new Afghan government


Il disegno di legge in California che potrebbe cambiare le pratiche del lavoro ad Amazon
The New York Times, 7 settembre 2021

Foto: Luis Quintero, Pexels

Tra i maggiori vincitori che hanno prosperato nella pandemia c'è Amazon, che, lo scorso anno, ha quasi raddoppiato il profitto annuale realizzando 21 miliardi di dollari e quest’anno sta per superare il totale. I profitti sono arrivati da milioni di americani che apprezzano la comodità della consegna rapida a domicilio, ma i critici denunciano l’elevato costo per i lavoratori, che sono spinti dall’azienda a limiti di sopportazione del fisico. Questo modello di lavoro potrebbe iniziare a cambiare in base a un disegno di legge presentato in California, che richiede ai datori di lavoro dei magazzini come Amazon di rivelare le quote di produttività che i lavoratori devono rispettare, e i cui progressi sono spesso monitorati utilizzando algoritmi. "La funzione di supervisione è stata assunta dai computer", ha affermato la deputata Lorena Gonzalez, autrice del disegno di legge. "Ma non tiene conto del fattore umano". Il disegno di legge, approvato dall'Assemblea di Stato a maggio e in fase di approvazione da parte del Senato questa settimana, vieta qualsiasi quota che impedisca ai lavoratori di fare pause obbligatorie o di usare il bagno quando necessario, o ai datori di lavoro di rispettare le leggi in materia di salute e sicurezza.
Il disegno di legge ha provocato un’opposizione intensa dei gruppi imprenditoriali, i quali sostengono che porti a un'esplosione di contenziosi costosi e punisce un intero settore per gli eccessi di un singolo datore di lavoro. Rachel Michelin, presidente della California Retailers Association, che comprende Amazon nel consiglio di amministrazione, ha affermato: "Stanno dando la caccia ad un’azienda, ma allo stesso tempo stanno trascinando sotto questo ombrello tutti gli altri della catena di approvvigionamento ". La California ha un ruolo enorme nel settore dell'e-commerce e della distribuzione, per la vasta economia e per lo status di hub tecnologico, e perché ospita i porti attraverso i quali arriva gran parte dell'inventario importato di Amazon. La regione dell'Inland Empire, a est di Los Angeles, presenta una delle maggiori concentrazioni di centri logistici Amazon nel paese.
La portavoce di Amazon, Kelly Nantel, non ha voluto rilasciare commenti sul disegno di legge, ma ha affermato in una dichiarazione che "gli obiettivi prestazionali sono stabiliti in base alle prestazioni effettive dei dipendenti in un dato periodo di tempo" e che tengono conto dell'esperienza del dipendente, nonché della salute e della sicurezza. Ha aggiunto: "I licenziamenti per problemi di prestazioni sono rari, sono meno dell'1%". L'azienda sta affrontando un controllo crescente sul modo in cui tratta i lavoratori, inclusa la sentenza attesa della Commissione Nazionale per le Relazioni Industriali, il National Labor Relations Board, per aver interferito illegalmente sul voto sindacale in un magazzino dell'Alabama. Il risultato potrebbe portare a una nuova elezione della rappresentanza sindacale nel magazzino, anche se Amazon, che ha vinto nel risultato iniziale, ha affermato che farà ricorso.
Il sindacato degli autotrasportatori, l'International Brotherhood of Teamsters, ha approvato a giugno una risoluzione che impegna il sindacato a fornire "tutte le risorse necessarie" per organizzare i lavoratori di Amazon, in parte esercitando pressioni sull'azienda attraverso i canali politici. I sindacalisti del sindacato autotrasportatori hanno partecipato agli sforzi riusciti per negare ad Amazon la riduzione delle tasse nello Stato dell’Indiana e il permesso ad una struttura in Colorado e sostengono la legislazione della California. Le due parti riconoscono alla lotta per le quote di produttività di Amazon una posta in gioco alta. "Sappiamo che il futuro del lavoro sta per essere inserito in questo tipo di algoritmo dell’intelligenza artificiale", ha affermato Gonzalez, l'autrice del disegno di legge. “Se non interveniamo ora, ci saranno altre aziende che interverranno successivamente”.
Michelin, presidente dell'associazione dei rivenditori, ha sottolineato che i dati erano "informazioni riservate" e ha affermato che i fautori del disegno di legge "vogliono quei dati perché aiutano a sindacalizzare i centri di distribuzione". Nel rapporto presentato dal Strategic Organizing Center, un gruppo sostenuto da quattro sindacati, mostra che il tasso di infortuni gravi ad Amazon a livello nazionale nel 2020 è quasi il doppio di quello del resto del settore dei magazzini e più del doppio di quello dei magazzini di Walmart, uno dei principali concorrenti. Alla domanda di commentare i risultati del rapporto, Nantel, portavoce di Amazon, non si è rivolta direttamente ai sindacati, ma ha affermato che l’azienda è di recente entrata in partenariato con un gruppo che opera senza scopo di lucro per la difesa della sicurezza e la prevenzione delle lesioni muscoloscheletriche. Inoltre, ha affermato che, quest’anno, Amazon ha investito oltre 300 milioni di dollari in misure di sicurezza, come la riprogettazione delle postazioni di lavoro.
I dipendenti di Amazon hanno spesso denunciato il fatto che i supervisori li spingono a lavorare a ritmi veloci che li logorano fisicamente. Un lavoratore ha affermato, per uno studio firmato dalla Federazione del lavoro della contea di Los Angeles, anch’essa sostenitrice del disegno di legge della California, che “c'erano molte nonne". I dirigenti aziendali “sono andati da queste donne anziane, alle quali hanno detto: “Ehi, ho bisogno che tu acceleri”. Poi sul loro viso si poteva vedere che stavano per piangere. “Va più veloce di quanto il mio corpo può letteralmente andare”. Yesenia Barrera, ex lavoratrice di Amazon in California, riferisce che i dirigenti aziendali le hanno detto che aveva bisogno di togliere 200 articoli l'ora da un nastro trasportatore, disimballarli e scansionarli e che di solito riesce a raggiungere questo obiettivo solo riducendo al minimo l'uso del bagno. In un'intervista per questo articolo, Barrera ha detto: "Per poter raggiungere l’obiettivo devo fare a meno dell’uso del bagno”. "Quando il campanello suona per una pausa, mi sento come se dovessi fare qualche altro articolo prima di lasciare." Edward Flores, direttore della facoltà del Community and Labor Center presso l'Università della California, Merced, ritiene che dal momento in cui le aziende hanno automatizzato le loro operazioni, le lesioni dovute ad uno sforzo ripetitivo sono state un problema particolare nel settore dei magazzini.
"Sta rispondendo alla velocità con cui si muove una macchina", ha affermato Flores, che ha studiato gli infortuni nel settore dei magazzini. “Quanto maggiore è la dipendenza dalla robotica, tanto maggiore sarà la frequenza di movimenti ripetitivi e, quindi, di lesioni ripetitive”. Amazon è l’azienda leader nell'adozione della robotica nei magazzini. Gonzalez ha affermato che quando ha incontrato i funzionari di Amazon dopo aver presentato un disegno di legge simile lo scorso anno, questi hanno negato l’uso delle quote di produttività e affermato di confidare nel raggiungimento degli obiettivi da parte dei lavoratori, che non vengono puniti per non averli raggiunti.
Durante una riunione realizzata quest’anno con i funzionari Amazon, pochi giorni prima che l'Assemblea approvasse il disegno di legge, questi hanno ammesso che potrebbero fare di più per promuovere la salute e la sicurezza dei lavoratori, ma non hanno presentato proposte specifiche se non quelle relative alla formazione dei dipendenti su come essere più produttivi. In un incontro recente, un funzionario di Amazon ha espresso preoccupazione per il fatto che alcuni dipendenti potessero abusare della generosità del tempo assegnato per usare il bagno prima che un altro funzionario aziendale intervenisse per minimizzare il problema. "Qualche altro funzionario ha cercato di fare marcia indietro", ha affermato Gonzales. “Lo si dice spesso sottovoce. Non è la prima volta che lo sento". L’iter per l’approvazione del disegno di legge è sempre apparso più difficile al Senato, dove gli emendamenti lo hanno indebolito. Il disegno di legge non obbliga più l’agenzia statale per la sicurezza e la salute sul lavoro a elaborare una norma che prevenga gli infortuni nei magazzini causati dal superlavoro o da altri stress fisici. Fornisce, invece, all'ufficio del commissario statale per il lavoro l'accesso ai dati sulle quote e sugli infortuni in modo da poter rafforzare l'applicazione delle norme. I lavoratori potrebbero anche fare causa ai datori di lavoro per eliminare le quote troppo rigide. Gonzalez è fiduciosa nel voto al Senato, che dovrebbe arrivare entro la fine della sessione legislativa di venerdì, ma i gruppi aziendali lavorano ancora duramente per far deragliare il voto dal risultato atteso.
Michelin, presidente dell'associazione dei rivenditori, ha affermato che le modifiche apportate dalle commissioni del Senato hanno reso il disegno di legge più praticabile e che i membri del gruppo potrebbero sostenere una misura che dia più risorse ai legislatori per far rispettare le norme in materia di salute e sicurezza. Ma il modo in cui il disegno di legge autorizza i lavoratori a citare in giudizio i loro datori di lavoro, crea preoccupazioni serie. Finché quest’ultima disposizione rimarrà nel disegno di legge, ha affermato il presidente del gruppo dei rivenditori, "non la sosterremo mai".

Per leggere l'articolo originale: California Bill Could Alter Amazon Labor Practices
 

I sindacati avvertono che la rivoluzione europea delle auto elettriche rischia di far perdere posti di lavoro
Reuters, 6 settembre 2021

Foto: Marco Merlini

Senza posti di lavoro alternativi o senza opportunità formative, la minaccia di un'ondata di licenziamenti solleva interrogativi difficili sui costi sociali della transizione verso un'economia a bassa emissione di carbonio

•             I sindacati avvertono che milioni di posti di lavoro sono a rischio

•             I lavoratori disoccupati del settore auto potrebbero diventare “l'obiettivo dei populisti”

•             La sindacalizzazione della fabbrica Tesla a Gruenheide è un banco di prova

Andrea Knebel ha lavorato per vent'anni presso l'impianto per l'assemblaggio di motori della Bosch a Buehl, in Germania, ma il suo posto di lavoro potrebbe essere uno dei 700 posti di lavoro ad essere tagliato dalle aziende entro il 2025 mentre l'Europa accelera l'abbandono del trasporto alimentato dai combustibili per i veicoli elettrici. L'Unione europea ha proposto di rendere effettivo entro il 2035 il divieto di vendita di veicoli alimentati a benzina e a diesel, che rappresentano circa il 15% delle emissioni di carbonio responsabili del surriscaldamento del pianeta.
Il fatto che il settore delle nuove auto elettriche richiederà un numero inferiore di lavoratori dell'auto, con una serie di professionalità molto più alte, minaccia, secondo l'Associazione dei Produttori dell'Auto in Europea, di provocare licenziamenti di massa in un'industria che occupa direttamente e indirettamente 14.6 milioni di persone, ossia circa il 7% della forza lavoro europea. Knebel, che è un sindacalista e fa parte del consiglio di fabbrica a Buehl, ha rappresentato i lavoratori nelle trattative con la direzione dei fornitori di parti auto della Bosch, tra questi alcuni lavoratori così impauriti da non riuscire a parlare. Ma persino il lavoro di colletto bianco che ricopre potrebbe non salvarsi. “Sono davvero preoccupata”, afferma Knebel, 55 anni, alla Thomson Reuters Foundation. “Avrò 60 anni tra quattro anni e mia figlia starà ancora studiando”. Racconta che sono state offerte poche opportunità di riqualificazione presso le fabbriche Buehl e Buehlertal della Bosch. I sindacati credono che quando si prenderanno in considerazione i contratti di lavoro job-shares, part time e temporanei, rischieranno di perdere il lavoro la metà dei 3.700 dipendenti dei due impianti. I tagli fanno parte dell'ondata di chiusure aziendali che dovrebbe licenziare migliaia di lavoratori in Germania, anche se il portavoce della Bosch ha affermato che sarà fatto in modo da renderlo “il più possibile accettabile a livello sociale”.
Il sistema di propulsione diesel richiede 10 lavoratori in più rispetto al sistema elettrico delle auto. Senza posti di lavoro alternativi o senza l'offerta di opportunità formative, i licenziamenti di questi livelli sollevano problemi difficili sui costi sociali della transizione verso un'economia a bassa emissione di carbonio. Gli economisti hanno sostenuto continuamente che il passaggio a prodotti e a modelli aziendali più verdi sarebbe stato positivo per i posti di lavoro e per la crescita economica. Ma gli attivisti per i diritti sindacali affermano che i lavoratori più anziani e con meno professionalità, difficili da ricollocare e ai quali non è stata l'opportunità di formarsi, avranno bisogno di un aiuto speciale. Knebel, che sta valutando la possibilità di lavorare come consulente, ha raccontato che non sa se ci riuscirà “per via della mia età”.
Secondo uno studio recente, i sindacati europei dicono di sostenere con forza il passaggio rapido al trasporto elettrico, che potrebbe condurre soltanto ad una perdita lieve di 35.000 posti di lavoro entro il 2030, quando sarà presa in considerazione l'occupazione nel settore della nuova energia pulita. La ricerca condotta dalla Boston Consulting Group ha previsto che i nuovi impianti che producono batteri per i veicoli alimentati dall'energia elettrica, chiamati, a volte, “gigafactory”, saranno costruiti in Europa. Inoltre, la ricerca prevede che oltre 100.000 nuovi posti di lavoro saranno creati nella produzione, installazione e gestione delle infrastrutture per la ricarica delle batterie. Ma alcuni sindacalisti credono che questi dati siano ottimisti e puntano il dito sui settori che potrebbero essere devastati dai licenziamenti.

Il rischio di una “reazione violenta”

"Milioni di posti di lavoro sono a rischio se non ci dovesse essere un piano chiaro su come gestire la transizione", ha detto Judith Kirton-Darling, vicesegretario generale del sindacato industriAll, che rappresenta 50 milioni di lavoratori a livello globale. "Una transizione giusta, se lasciata ad una retorica vuota e promesse non mantenute, alimenterà semplicemente una reazione violenta", ha detto alla Thomson Reuters Foundation. "Questo ci preoccupa moltissimo". Kirton-Darling ha detto che uno scenario simile potrebbe provocare una reazione sociale più ampia simile a quella del movimento di protesta dei "gilets jaunes" in Francia contro gli aumenti dei prezzi del carburante che, tra la fine del 2018 e il 2019, portò al blocco di parti del paese. "Le persone ansiose per la loro situazione economica precaria (sono) i principali obiettivi dei populisti". I sindacati temono che dietro il taglio dei numerosi posti di lavoro previsti si nasconda un piano che accelererà il trasferimento verso le fabbriche dell'Europa orientale, dove i salari sono relativamente bassi.
I lavoratori britannici hanno votato se scioperare sui piani del gruppo di private equity Melrose per la chiusura dello stabilimento automobilistico Gkn a Birmingham, con oltre 500 esuberi, e spostare il lavoro a Olesnica nel sud-ovest della Polonia. Il portavoce di Melrose, Nick Miles, ha addossato la responsabilità della chiusura dell'impianto, che produce sistemi di trasmissione, al forte calo della domanda dei motori alimentati a benzina e diesel, dovuto all'aumento della tendenza all'elettrificazione dei veicoli. Il segretario generale dell'Associazione europea dei fornitori auto (Clepa), Sigrid de Vries,ha detto che i nuovi posti di lavoro nella produzione di batterie non creerebbero abbastanza occupazione per compensare quelli persi in altri settori dell'industria automobilistica. Nel webinar dell'Istituto Sindacale Europeo (Etui), che si è tenuto nel mese di giugno, lui ha detto che il 40% dei nuovi posti di lavoro nel settore dell'e-mobilità avrà bisogno di quattro anni di formazione e un alto livello di istruzione, che richiede la conoscenza dei processi chimici e analisi dei dati. Secondo Knebel, solo 50 lavoratori hanno finora ricevuto offerte di riqualificazione dalla Bosch di Buehl.

Rivoluzione sindacale?

A segnalare una preoccupazione crescente, i sindacati europei, i datori di lavoro e i gruppi ambientalisti hanno lanciato, nel mese di luglio, un appello congiunto inedito all'Unione europea, con il quale hanno chiesto più risorse per sostenere la giusta transizione. "Questa è una rivoluzione industriale di proporzioni storiche", si legge nella loro lettera, che chiede di aggiornare le competenze e di riqualificare 2.4 milioni di lavoratori del settore auto.
Uno studio della Volkswagen ha previsto che, nei pr9ossimi dieci anni, i posti di lavoro nella produzione di automobili diminuiranno, solo in Germania, del 12% con l'avanzare del processo di elettrificazione. Questo accadrà nonostante il fatto che sono state previste in Germania, più di qualsiasi altro paese europeo, sette gigafactories di batterie agli ioni di litio.
Secondo un rapporto recente dell'ex ministro dell'ambiente francese Nicolas Hulot della Fondazione per la Natura e l'Umanità, si prevede che senza le giuste misure di transizione la forza lavoro del settore auto in Francia, composta da 57.000 persone, si ridurrà fino al 70% entro il 2050. I sindacati guardano alla gigafactory di veicoli elettrici Tesla da 7 miliardi di dollari, che dovrebbe aprire a Gruenheide, in Germania, alla fine di quest'anno, come ad un banco di prova, anche a causa della reputazione dell'amministratore delegato della società Elon Musk. Il miliardario della tecnologia ha usato in passato i social media per minacciare i dipendenti di perdere le loro stock option se avessero formato un sindacato. Christian Brunkhorst, del consiglio direttivo dell'IG Metall, sindacato dei lavoratori metallurgici tedeschi, ha affermato all'evento Etui: "Sarà difficile organizzare questi nuovi impianti, ma dobbiamo farlo". E ha aggiunto: "È assolutamente necessario mantenere sindacalizzata la catena del valore dell'auto per mantenere le condizioni di lavoro a un buon livello". Tesla non ha risposto alla richiesta di rilasciare un commento.

Per leggere l'articolo originale: Europe's electric car revolution risks job loss backlash, unions warn