Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Emergenza umanitaria

Bosnia, Cgil: intervenire immediatamente per accogliere rifugiati 

Crisi migranti in Bosnia Bosnia, Bihac 02/11/2018 : Nella città al confine con la Croazia ci sono centinaia di migranti di origine pakistana e afgana che cercano di varcare la frontiera, spesso scontrandosi con la polizia croata. Molti dei migranti sono feriti e privati del loro cellulare da parte della polizia croata. Vivono in un parco e in diversi edifici abbandonati. Ogni giorno i migranti si lavano nel fiume vicino, chiamato Una.

Foto di © Danilo Balducci/Sintesi

Europe, Bosnia, Bihac, November 2, 2018 : In the city on the border with Croatia there are hundreds of migrants of Pakistani and Afghan origin who try to cross the border often clashing with the Croatian police. Many of the migrants are injured and deprived of their cell phone by the Croatian police. They live in a park and in several abandoned buildings.Every day the migrants wash them self and the clothes in the near river named Una
Foto: Agenzia Sintesi
  • a
  • a
  • a

3 mila migranti sono bloccati al gelo sulla rotta balcanica. La Cgil chiede che la comunità internazionale intervenga immediatamente

“La comunità internazionale, a partire dall’Unione europea, deve intervenire immediatamente per risolvere quella che ormai è diventata una vera e propria emergenza umanitaria”. Così il segretario confederale della Cgil, Giuseppe Massafra in merito agli oltre 3 mila migranti bloccati al gelo sulla rotta balcanica.  

“Migliaia di rifugiati - sottolinea il dirigente sindacale - sono senza un tetto e senza servizi essenziali, con temperature sotto lo zero, non possono essere abbandonati, vanno immediatamente accolti: vanno subito aperti canali umanitari e attivati piani di redistribuzione dei migranti tra i Paesi Europei”. 

“Già in occasione della giornata internazionale dei migranti avevamo denunciato la situazione, previsto l’imminente tragedia e chiesto di mettere fine ai respingimenti sulla rotta balcanica. Chiediamo - conclude Massafra - che queste palesi violazioni del diritto di asilo cessino immediatamente, e che la normativa internazionale e la Convenzione di Ginevra vengano pienamente rispettate”.