Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Mercatone Uno, nuovo incontro per il salvataggio

Mercatone Uno: «Il governo deve intervenire»
Foto: Una lavoratrice pugliese di Mercatone Uno
  • a
  • a
  • a

Vertice al ministero dello Sviluppo economico tra sindacati, Regioni coinvolte, commissari dell'azienda (in amministrazione straordinaria) e governo. Sul tavolo ci sono 12 proposte d'acquisto, in ballo c'è il futuro di 1.800 lavoratrici e lavoratori

Finalmente la vertenza Mercatone Uno torna sul tavolo del ministero dello Sviluppo economico. Oggi (martedì 3 dicembre) a Roma, alle ore 10, è in programma un nuovo confronto (l'ultimo era stato l'8 ottobre) tra sindacati, governo (rappresentato dal ministro Stefano Patuanelli), Regioni coinvolte e commissari attualmente alla guida dell'azienda, per tentare di giungere a una soluzione nella vertenza del fallimento della catena di arredamenti, dalla quale dipende il futuro di circa 1.800 lavoratrici e lavoratori che prestavano servizio nei 55 punti vendita italiani.

Scopo principale dell'incontro è fare il punto sulle offerte di acquisto arrivate entro la scadenza dello scorso 31 ottobre. Sono 12 quelle che i commissari straordinari dell'azienda (Luca Gratteri, Antonio Cattaneo e Giuseppe Farchione) hanno preso in esame. Da parte loro, le organizzazioni sindacali hanno chiesto che le operazioni di cessione siano “condivise con le parti in piena trasparenza” e precisato anche l’importanza del puntuale monitoraggio del tavolo di confronto ministeriale. Hanno inoltre chiesto maggiori dettagli riguardo agli immobili che sono attualmente sotto il controllo della gestione commissariale, sui contratti di locazione vigenti e sulle licenze commerciali ad essi legati.