Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Nuovo Statuto, tutto pronto per il lancio

Nuovo Statuto, tutto pronto per il lancio
Foto: (fotografia di Geralt, da Flickr)
  • a
  • a
  • a

Iniziano il 18 gennaio le assemblee per il varo della proposta di legge d'iniziativa popolare. Baseotto (Cgil): “Non vogliamo rincorrere il passato, ma ricostruire un diritto del lavoro che negli ultimi anni è stato strapazzato da interventi legislativi"

È ormai tutto pronto per il lancio del “nuovo Statuto dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori” messo a punto dalla Cgil. Una riforma complessiva del diritto del lavoro, approvata dal Direttivo della confederazione, su cui dal 18 gennaio saranno chiamati a discutere e votare tutti i lavoratori italiani, in vista della formulazione di una proposta di legge d’iniziativa popolare. “Non vogliamo rincorrere il passato – spiega il segretario confederale Nino Baseotto all’agenzia Ansa – ma ricostruire un diritto del lavoro che negli ultimi anni è stato strapazzato da interventi legislativi che non hanno tutelato la parte più debole”.

Tra gli aspetti più rilevanti si segnala il reintegro del lavoratore in caso di licenziamento disciplinare ingiusto anche nelle aziende con meno di 15 dipendenti. Un ripristino e un allargamento, dunque, di quanto era previsto dall’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, cancellato dal Jobs Act con il decreto sul contratto a tutele crescenti per i nuovi assunti. Dal reintegro automatico in caso di licenziamento senza giusta causa saranno escluse solo le aziende con meno di cinque addetti, per le quali il giudice potrà decidere se comminare il reintegro o un risarcimento. Riguardo i licenziamenti con motivo “economico”, se considerati illegittimi saranno sanzionati con un risarcimento collegato alla retribuzione.

“La nostra proposta è di oltre 90 articoli, la tutela sui licenziamenti è solo una parte” spiega Baseotto: “La cosa più importante è la sfera di applicazione della proposta. Riguarda tutto il lavoro, non solo quello dipendente, ma anche quello parasubordinato e autonomo”. La Cgil propone anche di rafforzare la tutela processuale cancellando il contributo unificato (per chi intraprende una causa di lavoro), di rendere accessibile a tutti la giustizia del lavoro e di “ripristinare il ruolo del giudice nella valutazione della proporzionalità della sanzione”.

Obiettivo della Cgil, si legge nel volantino che sarà distribuito nelle assemblee che partiranno il 18 gennaio, è innovare gli strumenti contrattuali “preservando quei diritti fondamentali riconosciuti senza distinzione a tutti perché inderogabili e universali”. Diritti che vanno dal compenso “equo e proporzionato” alla “libertà di espressione”, dal diritto alla sicurezza al diritto al riposo, ma anche alle pari opportunità e all’apprendimento permanente. Per giungere, appunto, al principio fondamentale di giustizia nel lavoro: “se un licenziamento è illegittimo, la sanzione per l’impresa deve avere un effetto ‘deterrente’, cioè scoraggiare comportamenti scorretti a danno dei lavoratori”.