Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Air Italy

Cuscito, Filt Cgil: imbarazzante rimpallo di responsabilità

Sostegno al reddito e soluzione industriale: la ricetta Air Italy
Foto: Simona Caleo
  • a
  • a
  • a

Partite ieri le 1322 lettere di licenziamento da parte della ex compagnia aerea sardo-qatariota

La politica parli di meno e agisca di più, a un giorno dall’invio delle lettere di licenziamento è imbarazzante il rimpallo di responsabilità fra i vari dicasteri e istituzioni regionali che rende ancor più drammatica la situazione dei lavoratori e delle lavoratrici di Air Italy".  A denunciarlo è il segretario nazionale della Filt Cgil, Fabrizio Cuscito, sottolineando “la verità è che nessuno finora ha mosso un dito e in più di un anno non abbiamo ricevuto nessuna convocazione dal Ministero dello Sviluppo Economico e dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili che dovrebbero essere i primi interessati alla vicenda”. 

È inaccettabile – evidenzia il segretario nazionale Filt – come aziende private straniere prima utilizzino le risorse pubbliche e poi scappino via lasciando macerie industriali e lavoratori nel silenzio assordante del Parlamento e del Governo”. Secondo Cuscito: “si può ancora evitare una tragedia sociale: il Governo blocchi le lettere di licenziamento, chiami l’azienda a un tavolo di confronto e lavori per attivare la cassa integrazione per scongiurare i licenziamenti”.

Leggi anche

L'allarme

Air Italy, il primo licenziamento collettivo dell'anno

Davide Colella

Al termine della procedura avviata lo scorso settembre dalla compagnia aerea, partite le missive per i 1322 dipendenti. Per i sindacati si tratta di una macelleria sociale