Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Ancona

Enedo, il 20 ottobre è sciopero

  • a
  • a
  • a

Dalle 8 alle 11, Fiom-Fim-Uilm provinciali organizzano un sit-in davanti allo stabilimento, chiedendo il ritiro della procedura di mobilità e degli esuberi dichiarati

Enedo spa, la multinazionale metalmeccanica svedese con sede ad Osimo, nell’incontro  tenutosi giovedì 14 ottobre ha  comunicato alle organizzazioni sindacali il licenziamento di 35 lavoratrici e lavoratori. In altre parole, un taglio di metà del personale considerando che l’organico dell’azienda è di 80 unità.

Fim Cisl-Fiom Cgil-Uilm Uil hanno chiesto all’azienda un congruo tempo di discussione prima di aprire la procedura di mobilità , ma  il giorno dopo è arrivata come una doccia fredda la comunicazione della  procedura che porterà entro Natale al licenziamento di 35 dipendenti.

"Pertanto, riteniamo inaccettabile questo comportamento, privo di alcun rispetto delle relazioni sindacali e chiediamo l’ immediato ritiro della procedura di licenziamento collettivo, condizione necessaria affinché si possa costituire un tavolo di confronto. Si manifesta la disponibilità a individuare soluzioni condivise mettendo al centro della discussione il mantenimento dei livelli occupazionali e lo sviluppo professionale quali condizioni per il rilancio delle attività future", affermano le tre sigle di categoria..

Intanto, dopo un primo sciopero avvenuto immediatamente dopo la notizia dei licenziamenti, i sindacati hanno proclamato lo stato di agitazione e lo sciopero di otto ore di tutte le maestranze per mercoledì 20 ottobre a partire dalle 8, con presidio davanti all’azienda. Si vuole così dare un primo importante  segnale e chiedere in maniera decisa e forte  il ritiro della procedura di mobilità  con l’ apertura di una discussione che ponga al centro la continuità lavorativa nel sito di Osimo, messa in seria discussione dai licenziamenti.