Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Electrolux, la crisi è ormai alle spalle

Electrolux diventa 4.0, al via confronto con i sindacati
  • a
  • a
  • a

"Accogliamo positivamente il piano industriale", commentano Fiom, Fim e Uilm: "Il progetto consolida la presenza della multinazionale svedese in Italia, attraverso 140 milioni di investimenti previsti nel triennio 2019-2021 per le nostre fabbriche"

Il piano industriale, presentato oggi (venerdì 8 marzo) da Electrolux, consolida e rafforza la presenza del gruppo svedese in Italia, attraverso 140 milioni d'investimenti previsti nel triennio 2019-2021 per le fabbriche italiane. Da tale computo è escluso il settore professional, oggetto di uno spin-off, per il quale andrà affrontato un ragionamento specifico. A queste risorse l'azienda aggiungerebbe ulteriori 130 milioni, da deliberare, destinati a una radicale trasformazione della fabbrica di frigoriferi di Susegana (Treviso), con importanti interventi riguardo all'automazione e alla digitalizzazione dei processi produttivi, su cui si aprirà un confronto nelle prossime settimane con il coordinamento sindacale.

"È necessario che il confronto si avvii al più presto, per favorire gli investimenti e garantire un futuro stabile ai lavoratori. I volumi previsti per il triennio rimarrebbero costanti, intorno agli 800 mila pezzi", affermano Fiom, Fim e Uilm in un comunicato unitario: "A fronte di ciò, l'azienda stima per la fine del triennio in circa cinquanta addetti gli esuberi prevedibili, buona parte dei quali maturerebbero i requisiti pensionistici nello stesso periodo. Alcune criticità occupazionali permangono dai precedenti piani industriali per gli stabilimenti di Porcia e Solaro. La gestione di tali esuberi, attraverso piani sociali e importanti incentivi all'esodo, ha permesso, soprattutto per lo stabilimento lombardo, di ridurre drasticamente il ricorso agli ammortizzatori sociali".

Nel corso dell'incontro è stato sottoscritto tra le parti un accordo che estende anche ai lavoratori di Porcia (Pordenone) la possibilità di beneficiare di un incentivo all'esodo di 100 mila euro, a cui gli interessati dovranno aderire entro l'8 aprile. Per l'impianto di Solaro (Milano), è stato chiesta al governo la possibilità di utilizzare i contratti di solidarietà residui in modo più flessibile, al fine di garantire anche per il 2020, qualora fosse necessario, l'utilizzo degli stessi.

"Nel complesso, accogliamo positivamente il piano industriale, che consolida la presenza della multinazionale svedese nel nostro Paese e la estende con l’acquisizione di due nuove fabbriche, la Best di Fabriano, che produce cappe, e la Spm di Modena del settore professional. La permanenza e il consolidamento di Electrolux nel nostro Paese sono anche e soprattutto il risultato delle lotte e dei sacrifici delle lavoratrici e dei lavoratori, che hanno permesso di superare la fase difficile degli scorsi anni con il raggiungimento  dell'accordo del 2104", concludono le tre sigle di categoria.