Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Vaccini

Comitato Right2Cure: dal Global Health Summit esca netto sì per sospensione brevetti

Foto: Daiano Cristini/Sintesi
  • a
  • a
  • a

“Esprimiamo forte preoccupazione per la pressoché totale assenza di riferimenti alla sospensione dei brevetti sui vaccini nella bozza di dichiarazione per il Global Health Summit di venerdì a Roma, organizzato dal G20 e dalla Commissione Europea. Occorre che dall’incontro esca un netto sì alla proposta presentata, ormai da oltre sei mesi, da India e Sudafrica al Wto e rilanciata dal presidente Usa Biden". È quanto dichiara in un comunicato stampa il Comitato Italiano della campagna europea Right2Cure #NoprofitOnPandemic, di cui la Cgil fa parte.

"L’Italia come presidente di turno del G20 ha enormi responsabilità nelle decisioni che verranno assunte", si sottolinea, e "pensare di risolvere la situazione ricorrendo alle licenze volontarie, lasciando alle aziende farmaceutiche la possibilità di decidere a chi concedere l’uso del brevetto e della tecnologia, non modifica l’attuale situazione e rischia di condannare a morte centinaia di migliaia di persone".

"Anche l’idea di finanziare un centro di produzione di vaccini in Africa - aggiunge il comitato - è un progetto a lunga scadenza, che non può incidere sull'attuale pandemia e non risolve la dipendenza globale dalle aziende proprietarie dei brevetti. L’unica soluzione - si ribadisce nella nota - è liberare i vaccini dal cappio dei brevetti e realizzare i necessari trasferimenti tecnologici per consentire un significativo aumento della produzione in tutto il mondo".


Per maggiori informazioni noprofitonpandemic.eu  

Per firmare l’ICE eci.ec.europa.eu