Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Dello scorrere del mio tempo sarò certamente vittima

Dello scorrere del mio tempo sarò certamente vittima
Foto: foto da pixabay.com
Filippo Tuena
  • a
  • a
  • a

Vivo da pensionato. Lavoro in casa da anni. Ho pochi contatti col prossimo. Non do lezioni né nelle scuole né all'università. Ma quel che nasce da un'imposizione si vive diversamente da quanto si decide in maniera autonoma

(Quattordicesima puntata del nostro viaggio tra coronavirus e scrittori)

[6 marzo 2020]

Per me, da un punto di vista pratico cambia poco. Vivo diciamo da pensionato. Lavoro in casa da anni. Ho pochi contatti col prossimo. Non do lezioni né nelle scuole né nelle università. Faccio da sempre poche presentazioni. Rinunciarci non mi pesa. Ma quel che nasce da un'imposizione si vive diversamente da quanto si decide in maniera autonoma.

Sono abbastanza preoccupato della situazione, per i figli, per la nipotina, per la crisi economica che seguirà il picco del contagio - che temo dovrà ancora arrivare. 

Sto gran parte del tempo in casa, porto il cane a spasso, vado nel piccolo supermercato sotto casa, frequento poco qualche libreria, mi concedo qualche caffè. Passeggio spesso con mia moglie. 

Il fatto poi che a Milano abbiano chiuso tutti gli spazi di aggregazione culturale mi toglie dal dubbio. Non so se, essendo aperti, andrei nei teatri, nei cinema o nelle sale da concerto. Non sono andato a vedere mostre recentemente, né musei. Vivo, da buon e rispettoso ultra sessantacinquenne, l'autoclausura suggerita dalle autorità. Non mi pesa. La ritengo una cosa saggia da fare. La faccio.

Dovrò pormi tra un paio di settimane la questione se andare a Roma qualche giorno. Dipenderà dalla situazione. Aspetto. 

Scrivo. Sto ultimando un nuovo libro che mi pone dei problemi. Li affronto. 

La scorsa settimana ho lanciato una specie di gioco letterario: scrivere un racconto di 9000 battute sull'Ultimo sesso in tempo di peste. Nata per gioco l'idea è piaciuta. Ho raccolto una cinquantina di adesioni e in pochi giorni già 25 racconti. M'interessa molto questo esperimento, non tanto dal punto di vista letterario - a chi importa la letteratura? forse neppure a me. M'importa come le persone reagiscono a questa situazione. Se i rapporti personali vengono vissuti con ansia o come soluzione alla quarantena. Quando avrò raccolto un'altra ventina di testi mi sarò fatto un'idea più chiara.

Per il resto seguo i notiziari, sviluppo diagrammi di previsioni che mi spaventano ma che, ragionevolmente accetto, sperando siano meno preoccupanti di quanto vado prevedendo.

Leggo, ma sempre più in maniera scorretta, qui e là; più poesie che prose. 

Poi, invecchio e, al momento, questa mi sembra una preoccupazione individuale che mi prende forse persino più di una pandemia della quale forse potrei essere una delle tante vittime. Dello scorrere del mio tempo sarò invece certamente vittima.

GLI INTERVENTI PUBBLICATI