Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Sindacati all'attacco: «Commissario alla sanità inadeguato»

«Servono risorse e assunzioni per salvare il sistema sanitario»
Foto: fp cgil medici da twitter
  • a
  • a
  • a

Cgil, Cisl e Uil criticano duramente la decisione di varare in solitaria il nuovo piano operativo, nonostante gli impegni presi davanti al ministro Speranza. "Alla Calabria non servono commissariamenti part time per arrotondare pensioni o vitalizi"

Il commissario per la Sanità calabrese, Saverio Cotticelli, “è inadeguato”. Lo affermano in una nota unitaria i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil della Calabria, Angelo Sposato, Tonino Russo e Santo Biondo, dopo che lo stesso commissario ha “approvato, in solitaria, il nuovo piano operativo”, nonostante avesse preso l'impegno, “davanti al ministro della Salute, Roberto Speranza a Roma, di istituire un confronto presso la prefettura di Catanzaro”.

“Il commissario – accusano Cgil, Cisl e Uil – continua a disattendere gli impegni con la delegazione trattante. Il tutto mentre in Calabria sta collassando il sistema sanitario pubblico, chiudono reparti per carenza di medici e infermieri, generando una guerra dei poveri tra strutture ospedaliere e territori, i 118 sono a rischio, e ancora non vi è uno straccio di incontro sull’emergenza sanitaria Coronavirus.

“Alla Calabria non servono commissariamenti part time per arrotondare pensioni o vitalizi – continuano i segretari delle tre sigle –, serve gente che ha a cuore il destino e il futuro dei calabresi. Cotticelli è completamente inadeguato per tale missione, riteniamo vada superato, il diritto alla salute è una cosa seria, ed è bene che il ministero della Salute si faccia carico direttamente della gestione irreversibile della sanità calabrese”.

Cgil, Cisl e Uil chiederanno dunque al ministro Speranza la convocazione di un nuovo incontro per la situazione emergenziale della Calabria, mentre restano in attesa di un confronto con la presidente Jole Santelli sull’emergenza Coronavirus, “che allo stato, in Calabria, non presenta focolai in essere, ma, se dovesse accadere, non sarebbe nelle condizioni di affrontare l’emergenza”, concludono.