Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Giornate del lavoro, il programma dell'ultima giornata

Ora e sempre, democrazia
Foto: Marco Merlini
  • a
  • a
  • a

L'appuntamento giunge al termine. Due i dibattiti previsti: welfare e sanità. La mattina lectio magistralis di Donatella Di Cesare. In serata la chiusura con Susanna Camusso intervistata da Marco Damilano in piazza Sant'Oronzo alle 18.30

Le Giornate del Lavoro, promosse dalla Cgil per il quinto anno consecutivo, volgono al termine. Ricco il programma di questa ultima giornata a Lecce che vedrà la conclusione, alle ore 18.30 in piazza Sant’Oronzo, con l’intervista del giornalista Marco Damilano al segretario generale della Cgil Susanna Camusso.

Prima iniziativa in calendario, la lectio magistralis della professoressa Donatella Di Cesare dell’Università degli Studi di Roma ‘La Sapienza’, dal titolo ‘Le frontiere della democrazia. Contro il sovranismo’. Appuntamento alle ore 11 presso il teatro Paisiello.

Il dibattito della mattinata sarà ‘Democrazia è...un welfare nel futuro’ (ore 12.30 Castello Carlo V). Sul palco si alterneranno i contributi di Alberto Brambilla, presidente del Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali; Maria Cecilia Guerra, docente dell’Università degli Studi di Modena - Reggio Emilia; Domenico Proietti, segretario confederale Uil; Roberto Ghiselli, segretario confederale della Cgil.
 

‘Democrazia è...diritto alla buona salute' è il titolo del dibattito che si terrà nel pomeriggio alle ore 17.30 al Castello Carlo V. Saranno invitati a partecipare Carlo Cottarelli, direttore Osservatorio sui Conti Pubblici; Vasco Errani, vicepresidente XII Commissione Sanità del Senato; Massimo Scaccabarozzi, presidente Farmindustria; Rossana Dettori, segretaria confederale della Cgil. Modererà Carmen Santoro.

Sarà il segretario generale della Cgil Susanna Camusso, intervistata dal giornalista Marco Damilano, a chiudere, alle ore 18.30 sul palco allestito in Piazza Sant’Oronzo, le Giornate del Lavoro 2018.

Festa poi a partire dalle ore 22 in Piazza dei Libertini con la pizzica degli Alla Bua