Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Il video

Le lavoratrici degli appalti Tim in piazza: «Chiediamo certezze»

Simona Caleo
  • a
  • a
  • a

Il presidio a Roma davanti al ministero del Lavoro, dopo il cambio d'appalto delle mense: "Non sappiamo quante verranno prese né quando cominciamo". Ecco le loro voci

Sono 270 le lavoratrici e i lavoratori dei vecchi appalti della Telecom sono attualmente in bilico. Per questo sono scesi oggi in piazza a Roma, in stragrande maggioranza donne, in presidio con la Filcams Cgil presso il ministero del Lavoro. Chiedono chiarezza sul loro futuro, ovvero le garanzie occupazionali che possono farli uscire dall'incertezza.

Nell'incontro che si è svolto nella sede del dicastero, intanto, i sindacati hanno chiesto di dare attuazione alle procedure di cambio d'appalto previste dal contratto nazionale. 

Questa la storia. Le mense di Tim erano gestite in appalto da due società, la cooperativa Cir Food e la Elior, una multinazionale francese. L'arrivo del Covid e le misure di lockdown hanno determinato – ovviamente – la chiusura delle stesse mense: sono iniziati così i problemi delle lavoratrici, tra proroghe e poi disdette decise da Tim.

A subentrare all'appalto è l'azienda All Food, ma il passaggio non è stato ancora formalizzato: attualmente la lavoratrici, dipendenti di Cir ed Elior in cassa integrazione, non hanno alcuna certezza.

"Non sappiamo quante persone verranno prese, non sappiamo quando cominceremo a lavorare", dicono le lavoratrici dalla piazza nella capitale. In un video abbiamo raccolto le loro voci.