Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Ricerca

Flc Cgil: Cingolani sottrae risorse a Enea e Ispra

Pomezia farmaceutica © Marco Merlini Pomezia (Rm), 3 dicembre 2020 Pomezia, un vaccino contro la crisi Nella foto Valter Ciancarella
Foto: Marco Merlini
  • a
  • a
  • a

In un momento in cui il Paese decide di investire in ricerca con il Pnrr, "seppure non ancora in maniera sufficiente, uno dei principali soggetti dell’attuazione del Piano, il ministro Cingolani, decide di sottrarre personale di ricerca ai due enti vigilati dal suo ministero per la Transizione ecologica, una decurtazione 'necessaria' secondo quanto ci è dato sapere, per costruire un nucleo tecnico di competenze scientifiche all’interno del Mite stesso. Gli enti interessati sono Enea e Ispra coinvolti dal decreto di prossima emanazione relativo alla transizione ecologica". Così in una nota la Flc Cgil. 

"Sottrarre risorse e alte competenze a questi enti peraltro già in sofferenza – si pensi che all’Enea lo stanziamento ordinario dello Stato non copre neanche gli stipendi - è inconcepibile in un momento in cui il loro ruolo dovrebbe essere al centro della fase che si va aprendo per il Paese, in relazione al Pnrr, alla transizione ecologica, alle questioni energetiche e ambientali", continua la nota.

Per la Flc nel caso dell’Ispra inoltre, "si rischia di sottrarre competenze tecniche di vigilanza ambientale per trasferirle all’interno del ministero, con un pericoloso indebolimento dei controlli ambientali, che sono affidati all’Ispra in quanto ente autonomo e indipendente con un ruolo terzo. Tornare a mescolare potere politico esecutivo e vigilanza sarebbe un errore che non è il caso di commettere in questa fase di ripresa degli investimenti".

"Ci si chiede quale sia il motivo per cui il ministro Cingolani non si attrezzi ad assumere in proprio le risorse di cui avrà bisogno nella cornice tracciata dal ministro Brunetta di ingresso di nuove alte competenze all’interno della pubblica amministrazione, bandendo dunque le necessarie procedure concorsuali, piuttosto che sottrarle a chi andrebbe al contrario irrobustito, in quanto operativamente in campo e in prima linea nella sfida della transizione ecologica, energetica e ambientale, con il ruolo di autonomia che gli è garantito dallo status di Epr, come sono Ispra ed Enea".