Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Giornata della legalità

Non bastano le leggi, serve amore per la comunità

Fabrizio RIcci
  • a
  • a
  • a

Abbiamo incontrato don Tonio Dell'Olio, presidente della Pro Civitate Christiana ad Assisi. Una vita di impegno per la pace e contro la mafia: “Falcone aveva capito che anche quella è una pandemia”

Legalità non è il semplice rispetto delle leggi. Le leggi possono essere anche sbagliate, ingiuste. Anzi, la legalità in certi casi può trasformarsi in uno strumento “subdolo” attraverso il quale i forti esercitano un dominio sui deboli. A pensarlo è don Tonio Dell'Olio, prete, attivista, una vita di impegno per la pace e contro le mafie, in particolare in Libera, dove ha dato vita al settore internazionale del quale è stato a lungo responsabile. Oggi ad Assisi dirige la Pro Civitate Christiana ed è lì che lo abbiamo incontrato per parlare di Giovanni Falcone, delle mafie di ieri e di oggi e del senso della parola legalità.

Leggi anche

Buona memoria

Caro Giovanni, il riscatto verrà

Ilaria Romeo

Nel tardo pomeriggio del 23 maggio 1992 la strage di Capaci irrompe nella quotidianità degli italiani. Muoiono Giovanni Falcone e la moglie Francesca Morvillo. Con loro gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro. Il racconto di quei giorni di rabbia e dolore