Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Unione europea

Porti: sindacati, bene ricorso Corte Ue su aiuti di Stato

Porti: sindacati, preoccupa l'assenza di dialogo col governo
  • a
  • a
  • a

"Finalmente una posizione chiara e netta, così come avevamo già auspicato quando la Commissione europea aveva minacciato il provvedimento di infrazione nei confronti dell’Italia sulla tassazione delle Autorità di sistema portuale". È quanto dichiarano Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti, a seguito dell’annuncio della ministra delle Infrastrutture e trasporti, Paola De Micheli, relativamente al ricorso contro la risoluzione dell'Ue sugli aiuti di stato ai porti italiani.

"Apprendiamo con favore la notizia del recente ricorso presentato dall’Italia, avverso al pronunciamento della Commissione europea sugli aiuti di stato ai nostri porti che, di fatto, stravolgerebbe l’assetto giuridico delle nostre Adsp, indirizzandolo verso la configurazione di impresa pubblica, oppure di ente pubblico economico". Cosi proseguono le organizzazioni sindacali, che aggiungono "il ricorso alla Corte europea è un punto di partenza dell’azione politica che l’intero cluster portuale deve avviare, a sostegno delle evidenti differenze tra le nostre authority e quelle degli altri paesi europei. Il nostro modello va difeso tutti assieme e sostenuto con chiarezza e determinazione".

Secondo le tre sigle di categoria, "il ruolo che attualmente esercitano questi enti pubblici, non economici a ordinamento speciale, così come definiti dalla legge 84/1994, che regola il mercato delle operazioni portuali, è di amministrare le aree demaniali e promuovere i nostri scali, andando così di fatto a svolgere un servizio di interesse generale, non di certo distorsivo del mercato. Perciò, è fondamentale preservare tale assetto giuridico, proprio per preservare il bene pubblico e la libera concorrenza con le regole tracciate nella legislazione portuale".

.Infine, concludono le organizzazioni confederali dei trasporti, "la presa di posizione del nostro Paese, annunciata dalla ministra De Micheli, raccoglie una nostra sollecitazione su una vicenda che va avanti da tempo e che implicherebbe uno stravolgimento del nostro ordinamento, andando a snaturare il ruolo di terzietà delle Adsp, a scapito della concorrenza e quindi delle tutele dei lavoratori".