Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Roberto Cavalli: 70 verso il licenziamento

  • a
  • a
  • a

Stamani presidio dei lavoratori alla sede di Osmannoro della casa di moda. Filctem: “Situazione inaccettabile, sarà lotta”

Apertura della procedura di mobilità per circa 70 dei 350 dipendenti di Firenze: l'hanno preannunciata i vertici del fondo d'investimento Clessidra, che controlla l'azienda Cavalli. Per protesta, stamani oltre un centinaio di lavoratori con Rsu e sindacati hanno scioperato (l'adesione è stata quasi totale) e manifestato davanti allo stabilimento dell'Osmannoro (Sesto Fiorentino). Nell'occasione, molte lavoratrici (le donne sono circa il 60% del personale, con un'età media di poco superiore ai 40 anni) hanno indossato la maschera da leonesse come simbolo di lotta (la nuova proprietà, una volta insediatasi, le aveva spronate a lottare proprio come leonesse per il lavoro).

“L'azienda ha fatto i conti sbagliati, pensando di comunicare 70 licenziamenti, senza proporre un piano industriale per una visione d'insieme che confermi investimenti, rilancio del marchio e legame col territorio, che è sempre stato un punto forte del brand – dice Bernardo Marasco, della Filctem di Firenze –. L'azienda aveva sì parlato di riorganizzazione, ma non ci aspettavamo che intendesse avanzare 70 esuberi, e finora il progetto organico non ci è stato nemmeno presentato. La manifestazione di oggi serve anche a sfidare l'azienda a proporre un rilancio: alla proprietà rimproveriamo la soluzione drastica della mobilità, quando ci sarebbero soluzioni meno traumatiche come gli ammortizzatori sociali. Non possiamo accettare questa situazione e i conseguenti impatti sociali - è chiaro -, e metteremo in campo tutti i mezzi possibili per cercare di scongiurare tale quadro”. L'iniziativa di oggi è stata solo la prima di una mobilitazione: in questo momento, è in corso uno sciopero anche presso la sede della Cavalli di Milano.