In evidenza:
Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Welfare

Lo Spi scrive a Speranza: vogliamo essere protagonisti della riforma sociosanitaria

Chiudono le attività per disabili, protesta a Roma
P. A.
  • a
  • a
  • a

In vista dell'incontro tra i sindcati e il governo di lunedì prossimo, 28 settembre, il sindacato dei pensionati della Cgil rivendica la sua partecipazione alla discussiione sulla riforma delle Rsa e alla Commissione che si occuperà della legge nazionale sulla non autosufficienza. Quella legge sarà il frutto di anni di battaglie del sindacato

L’appuntamento importante è confermato per lunedì prossimo, 28 settembre. Quel giorno si aprirà il tavolo di confronto con il governo sui problemi della sanità e sulle questioni emergenti in campo sociosanitario. In evidenza anche la messa a punto della legge nazionale sulla non autosufficienza, una richiesta che sindacati confederali e sindacati dei pensionati portano avanti da anni. “Abbiamo molto apprezzato l’operato del Ministro Speranza in questi mesi – ha scritto oggi (21 settembre) sul suo profilo Facebook il segretario generale dello Spi Cgil, Ivan Pedretti - si è trovato ad affrontare una sfida enorme e lo ha fatto con serietà e competenza. È importante che ora pensi a come riformare il sistema sociosanitario e quello delle Rsa, visto tutto quello che è successo. A lui però chiediamo di coinvolgere anche le organizzazioni sindacali che rappresentano milioni di persone anziane e migliaia di uomini e di donne che vivono in quelle strutture”.

Il segretario generale dello Spi si riferisce in particolare all’annuncio del ministro Speranza dell’istituzione di una commissione composta da varie personalità per progettare la riforma dell’assistenza sanitaria e sociosanitaria per la popolazione anziana nel nostro paese. “Glielo dico qui e ora – continua Pedretti – ma avrò modo di dirglielo personalmente anche il 28 settembre quando si aprirà finalmente il primo tavolo di confronto per la costruzione di quella legge nazionale sulla non autosufficienza che invochiamo da tempo e per la quale ci attendiamo delle risposte”.