Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

La protesta

Uffici immigrazione, il 21 marzo è sciopero dei somministrati

Migranti e coronavirus, l'emergenza dimenticata
Foto: Foto di Danilo Balducci / Sintesi
  • a
  • a
  • a

Lunedì 21 marzo è sciopero nazionale dei lavoratori e delle lavoratici degli uffici immigrazione, con presidio a Roma in piazza Santi Apostoli dalle 11 alle 14. Lo proclamano i sindacati di categoria Nidil Cgil, Felsa Cisl e Uiltemp. 

"Il nostro sistema di accoglienza- scrivono -, già sotto forte pressione, si trova ad affrontare l’apice di quello che l’Alto commissario delle Nazioni unite per i rifugiati ha definito un esodo senza precedenti”. 

A marzo scadono 1.400 contratti di lavoratrici e lavoratori somministrati negli uffici immigrazione di prefetture, questure e commissioni territoriali, che fino a oggi hanno garantito servizi essenziali, come il riconoscimento del diritto di asilo, dei permessi di soggiorno, delle procedure di emersione e delle altre pratiche connesse all’immigrazione. Senza di loro, che sono il ramo operativo, nessuna accoglienza è tecnicamente possibile.

"La solidarietà verso chi scappa dalla guerra non si fa con le parole - proseguono -, ma in primis riconoscendo i diritti delle persone migranti, compreso quello di ricevere immediatamente assistenza. Senza i 1.400 lavoratori in bilico non si potrà assicurare. Il ministro e il governo devono prendere in carico l’emergenza e predisporre misure straordinarie per far fronte a una situazione anch’essa straordinaria e arrivare alla proroga dei contratti".