Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Edilizia

Siena, siglato il nuovo integrativo provinciale

Siena, il palio dei vaccini © Marco Merlini Siena, 9 febbraio 2021 Nella foto piazza del Campo
Foto: Marco Merlini
  • a
  • a
  • a

Fillea Cgil, Filca Cisl, Feneal Uil e Ance: “Un importante contributo allo sviluppo del settore”

Al termine di un articolato e impegnativo confronto avviato nella seconda metà dello scorso anno, le parti sociali edili senesi, Ance Siena per le imprese, Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil per i lavoratori, hanno raggiunto l’accordo per il contratto di lavoro integrativo provinciale del settore.

L’accordo tiene conto delle diverse priorità espresse, partendo da alcuni elementi condivisi: da un lato la fase di ripresa che il comparto ha intrapreso dopo una crisi decennale, dall’altro la necessità di consolidare i risultati dell’ultimo anno. Il contratto, frutto di mediazione e responsabilità, rispetto anche alla gestione degli enti bilaterali, sarà un importante contributo al continuo sviluppo dell’edilizia.

Per rendere appetibile per i giovani un impiego in un settore che lamenta una grave carenza di manodopera sono stati implementati alcuni istituti: l’elemento variabile della retribuzione che riconosce al ricorrere di alcune condizioni un incremento del 4% dei minimi contrattuali, l’indennità di chiamata fuori dall’orario di lavoro e un periodo di aspettativa in caso di gravi patologie. A questi si aggiungono miglioramenti dell’indennità di trasferta e di guida come risposta ai lavoratori sempre più impegnati in cantieri lontani dalla propria abitazione.

Simone Arcuri, Serafino Marino ed Erika Carrazza, rappresentanti di Fillea, Filca e Feneal, salutano positivamente un accordo a lungo atteso: “Finalmente si sono verificate le condizioni per il rinnovo degli accordi territoriali sul contratto di lavoro provinciale. Era importante dare un segnale di attenzione ai lavoratori di un settore che ha sofferto molto negli ultimi anni, sia in termini di salario che di sicurezza e formazione. Sarà necessario ora diffondere sui luoghi di lavoro con assemblee o volantinaggi i contenuti del contratto tra i lavoratori”.

Le imprese, a loro volta, vedono diminuirsi i contributi dovuti alla Cassa edile grazie a una premialità riconosciuta in caso di attività certificata per almeno dieci mesi all’anno, in regola con i versamenti e con iscrizione da almeno due anni. Con un dimezzamento del contributo versato, viene inoltre mantenuto il servizio di fornitura dei dispositivi di protezione individuale che in questi anni ha caratterizzato, con diffuso apprezzamento presso gli stessi operatori, l’assistenza della Cassa alle proprie aziende sgravandole da un obbligo previsto per legge.

“Un risultato che ci vede soddisfatti e che ci auguriamo sia di viatico a una stagione positiva per tutto il settore – commenta Giannetto Marchettini presidente di Ance Siena. Riteniamo di aver posto le basi anche per una nuova stagione dei rapporti tra le parti sociali che ci vedrà congiuntamente impegnati nel progetto di fusione della Scuola edile con il Sicuredil Cpt per un efficientamento delle risorse a beneficio del supporto fornito alle imprese e nella ricerca delle migliori soluzioni per le prestazioni assistenziali ai lavoratori”.

Le parti sociali si sono trovate tutte in accordo sulla lotta al dumping contrattuale: “Quando si parla di cantieri edili, anche nell’ambito del 110%, si deve applicare il ccnl dell’edilizia come proposto recentemente dal ministro Orlando, metodo necessario per avere più trasparenza, sicurezza e regolarità”.