Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Manovra

Fp Cgil: inaccettabile il richiamo in servizio dei Vigili del fuoco pensionati

Foto: Cristini / Agenzia Sintesi
  • a
  • a
  • a

Il sindacato della Funzione pubblica Cgil dei Vigili del fuoco critica la norma contenuta nella Legge di Bilancio. Serve al contrario creare opportunità occupazionali ai giovani. Protestano anche i sindacati di polizia: assumere giovani poliziotti

“Anziché creare opportunità occupazionali ai giovani e consentire lo sviluppo di carriera al personale del Corpo dei Vigili del fuoco, si propone il richiamo in servizio dei pensionati. Una proposta inaccettabile che va assolutamente respinta”. A denunciarlo è la Fp Cgil Vigili del Fuoco in merito a un emendamento alla legge di Bilancio (Art. 189-ter ’Ulteriori misure in materia di vigili del fuoco e forze di polizia’ presentato da esponenti del Pd), secondo il quale, osserva il sindacato, “anziché dare corso all’impegno, da più parti espresso, di un potenziamento del Corpo dei Vigili del fuoco, si tenta di imboccare una scorciatoia per gonfiare surrettiziamente l’organico a scapito dei giovani: una strada inaccettabile nel merito e nel metodo”.

Il Corpo dei Vigili del fuoco, ricorda il coordinatore nazionale della Fp Cgil Vvf, Mauro Giulianella, “ha un’età media molto alta, tra i 45 e 47 anni, e ha bisogno di essere potenziato nell’organico per raggiungere le 40 mila unità operative, dove ne mancano 5 mila, e le 5 mila nel ruolo tecnico professionale, dove la carenza è di circa 2.500. Solo così sarà possibile rendere il Corpo più amato dagli italiani in grado di rispondere alle richieste di aiuto della cittadinanza e intervenire nelle emergenze con maggiore professionalità, tempestività ed efficienza, e la tragedia di Ravanusa è solo l’ultimo esempio, senza ripiegare sugli straordinari”. Da qui l’invito di Giulianella “al Parlamento affinché nelle more di un provvedimento importante come la Manovra non si faccia passare l’indebolimento progressivo dei Vigili del fuoco. Non accetteremo scorciatoie umilianti. Attendiamo invece il bando di un nuovo concorso una volta ultimate le graduatorie esistenti degli idonei per un effettivo e non più procrastinabile potenziamento”, conclude.

Sullo stesso tema intervengono anche i sindacati delle forze di polizia. "Gli emendamenti che dispongono il richiamo in servizio, per taluni ruoli delle forze di polizia, recentemente presentati in finanziaria vanno nella direzione opposta rispetto alle necessità di garantire un corretto turn over assumendo nuovo personale". Lo hanno dichiarato ieri (16 dicembre) nel giorno dello sciopero generale i segretari della Federazione Fsp Polizia Valter Mazzetti della Federazione Coisp Mosap Domenico Pianese e del Silp Cgil, Daniele Tissone. "Tale scelta - proseguono - che produce nello specifico ulteriore discriminazione, riguardando solo alcuni dei ruoli e delle qualifiche presenti in seno al comparto, crea, più in generale, un precedente rischioso e non giustificabile per la pubblica amministrazione che in questa fase avrebbe invece bisogno di promuovere nuove figure professionali attraverso l'assunzione di nuovi giovani abbassando così l'età media del personale che è oggi la più alta d'Europa"