Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Fermiamo la strage

A Pomezia (Roma) e nel bresciano le ultime due vittime sul lavoro

Foto: Marco Merlini
  • a
  • a
  • a

Incidente mortale sul lavoro oggi alle 11.30 in via Tito Speri, nella zona industriale di Pomezia. Un 49enne, titolare di una ditta di costruzioni, mentre stava effettuando un sopralluogo sul tetto di un capannone di una ditta del posto, preliminare allo svolgimento di alcuni lavori, è precipitato a seguito del cedimento della struttura. L'uomo è morto sul colpo. Sul posto i carabinieri della Compagnia di Pomezia. Informato anche lo Spresal della Asl competente per gli accertamenti del caso.

Ieri sul territorio di Brescia l'ultima vittima presso una abitazione civile che ha visto coinvolto un operaio di 50 anni che, dalle prime ricostruzioni, si stava occupando della manutenzione di un ascensore.

"È un ulteriore infortunio mortale che interessa la nostra provincia e che ha visto in breve tempo accadere degli incidenti che hanno riguardato più categorie professionali e con diverse dinamiche che dimostrano come diventa sempre più impellente l’intervento generalizzato in tema di controlli e formazione degli addetti a prescindere dalle dimensioni e dalle tipologie lavorative - il commento di Cgil, Cisl e Uil Brescia -. Infatti sono state coinvolte realtà industriali, così come piccole aziende, sono stati coinvolti luoghi chiusi come le fabbriche così come luoghi aperti come strade, cantieri o campi agricoli.

Accanto alle richieste che come Cgil Cisl Uil abbiamo già avanzato a tutti i livelli e sui temi centrali in merito alla tutela della salute e della sicurezza, dobbiamo considerare anche il coinvolgimento dei lavoratori in iniziative che opportunamente mettano al centro questi argomenti e riportino alla loro responsabilità tutti i soggetti che già dovrebbero garantire l’incolumità delle persone che lavorano".