Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

La vertenza

Profumerie Douglas, Filcams Toscana, no a chiusure e licenziamenti

Contratto Multiservizi © Marco Merlini Roma, 21 ottobre 2020 Piazza Barberini Manifestazione unitaria dei lavoratori del settore imprese di pulizia, servizi integrati e multiservizi in attesa del rinnovo del contratto nazionale da 7 anni
Foto: Marco Merlini
  • a
  • a
  • a

Douglas profumerie ha comunicato che entro gennaio 2022 chiuderà 128 negozi in Italia su 507, 500 in Europa su 2.400.In Toscana, per le notizie che abbiamo ad oggi, i negozi in chiusura saranno 11, 36 persone perderanno il lavoro, e l’elenco non è ancora completo. Al momento, risultano coinvolti i negozi di: Poggibonsi (già chiuso), Calenzano, Pisa, Venturina, Navacchio, Montecatini Terme, Piombino, Follonica, Pistoia, Siena e Borgo S. Lorenzo.

"Il motivo? Salvaguardare la liquidità a fronte di calo di fatturato e redditività avuto durante la pandemia.Ovvio il calo di fatturato dei negozi in questo anno di chiusure e aperture a singhiozzo, epperò va detto che c’è stato un aumento importante del fatturato dall’e-commerce.Per un’azienda che guarda soltanto al profitto la scelta è facile: si chiudono i negozi, dove ci sono costi fissi di gestione e soprattutto costo del personale, e magari si sviluppa l’e-commerce.Lo immaginiamo, perché nell’incontro svolto tra sindacati nazionali e Douglas, nessun piano industriale è stato ancora presentato"., afferma la Filcams Cgil Toscana.

"Siamo di fronte a una multinazionale che non più tardi di due anni fa ha acquisito le profumerie Gardenia e Limoni, garantendosi così fette di mercato importanti, e che, dopo così poco tempo, sceglie in maniera irresponsabile di chiudere.Decide di lasciare a casa le lavoratrici, il 95% delle occupate in Douglas sono donne, sceglie di prediligere la redditività dimenticando la professionalità di tutte le sue dipendenti, professionalità che ha permesso in questi anni uno sviluppo del “suo fatturato” e che ha rappresentato per i clienti essere accolti in negozio, consigliati, coccolati, per poi uscirne con un sorriso.Ad un anno di pandemia non ancora concluso Douglas aveva già deciso di abbattere i costi, il personale in tutta evidenza per loro è solo un costo, non un valore aggiunto. Non siamo disponibili ad accettare questa logica, non accettiamo che si recuperi profitto togliendo lavoro alle persone", prosegue la sigla di categoria.

"Le organizzazioni sindacali nazionali hanno proclamato lo stato di agitazione, nei vari territori si stanno coinvolgendo le amministrazioni locali e si sta definendo il programma delle iniziative; già fatta un’assemblea regionale, da remoto, delle lavoratrici, erano presenti in tantissime, deluse per il comportamento dell’azienda, ma prima di tutto arrabbiate, disposte a contrastare le chiusure in ogni modo.Siamo in attesa di convocazione del richiesto incontro al Mise, una vertenza, questa di Douglas profumerie, da inserire in quella più generale contro le multinazionali che arrivano, fagocitano il mercato e poi se ne vanno lasciando disoccupazione e macerie.E’ previsto un nuovo incontro per la fine della settimana con l’azienda, chiederemo risposte sul futuro delle lavoratrici. Nel frattempo non staremo zitti, e insieme alle lavoratrici metteremo in campo ogni azione necessaria a sostegno della vertenza", conclude la Filcams regionale.