Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

L'iniziativa

La delegazione «Stop the War Now» torna in Ucraina

Manifestazione contro la guerra in Ucraina Polonia, Breslavia, 19 febbraio, 2022 : Di fronte all'ambasciata tedesca, ha avuto luogo una manifestazione di ucraini
Foto: Krzysztof Zatycki/Avalon/Sintesi
  • a
  • a
  • a

Resterà a Kiev fino al 3 ottobre la rappresentanza italiana guidata da "Un ponte per" e dal "Movimento nonviolento". Tra gli obiettivi della missione, il sostegno alle realtà ucraine impegnate nella costruzione della pace

Partirà il prossimo 26 settembre e resterà in Ucraina sino al 3 ottobre la delegazione della società civile italiana guidata dalla Ong Un Ponte Per e dal Movimento Nonviolento nell’ambito delle iniziative della rete “Stop the War Now”, nata per costruire dal basso un’alternativa alla guerra in corso e per contribuire alla immediata cessazione dell’invasione russa dell’Ucraina e all’avvio di negoziati tra le parti per dirimere con la diplomazia le attuali controversie.

Dopo due delegazioni e alcune missioni esplorative realizzate nei mesi passati, le organizzazioni della carovana “Stop The War Now” torneranno in Ucraina per svolgere una serie d'incontri con la società civile impegnata nel supporto umanitario alle vittime del conflitto, nella costruzione della pace, nel sostegno all’obiezione di coscienza e nelle azioni di resistenza nonviolenta.

Faranno parte della delegazione attivisti e rappresentanti delle organizzazioni italiane: Arci, Arcs, Anche Noi Cittadinanza Attiva, Casa Delle Donne Pisa, Cospe, Centro Studi Sereno Regis, Gruppo Abele, Equa, Libera, Pax Christi, Jef Europa, Movimento Nonviolento e Un Ponte Per.

Tra gli obiettivi della missione quello di gettare le basi per stringere accordi di partenariato tra gli oltre 175 enti italiani che fanno parte della rete “Stop the War Now” e organizzazioni della società civile ucraine, tra cui i sindacati e le università locali; la possibilità di stringere accordi per scambi giovanili tra le università italiane e quelle ucraine, e il rilancio a livello internazionale della campagna di sostegno agli obiettori di coscienza ucraini attualmente sotto processo o inchiesta da parte della Procura generale ucraina, accusati di alto tradimento. Tra loro anche il giornalista Ruslan Kotsaba, sotto processo per aver diffuso appelli contro la guerra. Analoga campagna di sostegno agli obiettori di coscienza è portata avanti anche sul versante della Russia, tanto più alla luce di una sempre crescente mobilitazione alle armi dei giovani russi decisa da Putin.

La delegazione ha l’obiettivo di gettare ponti e costituire reti tra tutti quei soggetti, laici e religiosi, che si pongono il problema della convivenza tra diversi, del rispetto del pluralismo linguistico e culturale, del sostegno anche psicologico alle vittime della violenza e della guerra.

Sarà anche l’occasione per lanciare una campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi per sostenere le spese legali e processuali degli attivisti ucraini sotto inchiesta, e sostenere il loro prezioso lavoro di costruzione della pace (maggiori informazioni a questo link: www.unponteper.it/ucraina-stop-the-war-now/).

Denso il programma degli incontri, che prevedono tra le altre cose una tappa a Chernivtsi, città nella quale l’università ha accolto centinaia di persone sfollate e si trova in estremo bisogno di aiuti umanitari, e numerosi scambi con esponenti di associazioni, tra cui Il Movimento Pacifista Ucraino, e sindacati nella città di Kiev. La delegazione italiana porterà nel paese anche un carico di aiuti umanitari destinati alla popolazione. 

Agenda della Carovana
26 settembre Arrivo a Cluji (Romania) e preparativi per l’ingresso in Ucraina con gli aiuti umanitari
27 settembre Arrivo a Chernivtsi, visita all’Università e consegna aiuti umanitari
28 settembre Conferenza di Pace all’Università di Chernivtsi e incontri con società civile locale. Partenza per Kiev.
29 settembre Arrivo a Kiev e incontro con il Movimento Pacifista Ucraino, gli obiettori di coscienza e le attiviste per la pace e la nonviolenza.
30 settembre Kiev: incontro con l’ambasciatore italiano e con gli attivisti dei territori occupati.
1 ottobre Kiev: incontri con associazioni e centri giovanili. Iniziativa simbolica in occasione della Giornata Internazionale della Nonviolenza (2 ottobre).
2 ottobre Arrivo a Chernivtsi: Azione simbolica all’UNI di Chernivtsi per giornata Internazionale della Nonviolenza. Partenza per Cluji.
3 ottobre Rientro in Italia della Carovana.