Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Consulta giuridica

Sblocco dei licenziamenti: i limiti e le tutele

Saclà di Asti, ancora licenziamenti
Foto: Foto di Flai Cgil Asti da Facebook
Sara Antonia Passante
  • a
  • a
  • a

Le imprese  beneficiarie  delle garanzie pubbliche rilasciate sui finanziamenti bancari devono rispettare un impegno importante: gestire i livelli occupazionali attraverso accordi sindacali

Con effetto dal 1°luglio 2021 il legislatore ha introdotto un termine mobile al “blocco” dei licenziamenti, legato alla possibilità di usufruire di ammortizzatori sociali, ovvero alle caratteristiche soggettive dei datori di lavoro o al loro settore di appartenenza. L’attuale quadro normativo induce ad alcune riflessioni.

Il licenziamento, anche alla luce della recente pronuncia della Corte Costituzionale n. 59 del 2021 in tema di licenziamento economico, tanto più nella perduranza, sino  al 31-12-2021, dello stato emergenziale, costituirà  effettivamente l'extrema ratio (e non il frutto di un insindacabile arbitrio)?  Si ritiene che i datori di lavoro dovranno anzitutto adottare soluzioni organizzative prevedenti l’utilizzo di tutti gli ammortizzatori sociali messi a disposizione dal legislatore, e ciò,  a maggior ragione,  alla luce dell’avviso comune tra governo e parti sociali  del 29 Giugno 2021.  

Inoltre, le imprese  beneficiarie  delle garanzie pubbliche rilasciate sui finanziamenti bancari da Sace (società con socio unico Cassa depositi e prestiti specializzata nel sostegno alle imprese) ai sensi delle disposizioni introdotte del decreto Liquidità,  avendo assunto l’impegno, per tutta la durata del finanziamento, a gestire i livelli occupazionali attraverso accordi sindacali, dovranno necessariamente confrontarsi su svariati temi con le organizzazioni sindacali.

In tal senso, il chiaro disposto dell’art.1 L.40/2020  (di conversione del Dl 23/2020, con le successive modifiche introdotte dall’art. 1 cc. da 206 a 209 della gegge di bilancio) secondo il quale le garanzie sono rilasciate a condizione che l'impresa che ne beneficia assuma l'impegno  a “gestire i livelli occupazionali attraverso accordi sindacali” e che il finanziamento venga  destinato a sostenere attività che siano localizzate in Italia, con l’impegno a non delocalizzare. 

Lo scopo del legislatore è quello di influire sulle scelte imprenditoriali  “uniformandole”  alle  linee  “programmatiche”  che  hanno caratterizzato  buona parte della legislazione emergenziale, e che vedono nella collaborazione con le parti sociali,  nel  divieto di licenziamento (mitigato da specifiche ipotesi derogatorie) e nella possibilità  di  accesso agli ammortizzatori sociali con oneri  “a carico” dello Stato, i perni fondamentali per la tenuta economica e sociale del Paese.

La ratio della disposizione sembra chiara: contrastare riduzioni di personale causate dall’emergenza Covid-19.  Pertanto gli  accordi dovrebbero  riguardare svariati atti di gestione dei livelli occupazionali: licenziamenti individuali, esternalizzazioni, procedure di licenziamento collettivo eccetera.

L’intervento pubblico “mirato” previsto dal legislatore emergenziale da un lato protegge le imprese dalla crisi di liquidità indotta dalla pandemia, dall’altro i lavoratori che in tali imprese prestino l’attività lavorativa dal rischio di disoccupazione e perdita di reddito. L’interesse, di rilevanza pubblica, al corretto utilizzo delle risorse finanziarie  legittima il sindacato, quale “soggetto” rappresentativo  di interessi particolarmente  meritevoli di tutela secondo il legislatore, ad esigere da parte dell’impresa beneficiaria della garanzia Sace il rispetto dell’impegno a gestire con accordo sindacale i livelli occupazionali.  Conseguentemente, la  violazione di detto impegno potrà costituire  condotta antisindacale (con possibili ripercussioni sulla validità degli atti assunti unilateralmente). 

Nella misura introdotta dal decreto Liquidità  è possibile  individuare un nesso di reciprocità tra il beneficio consistente nella garanzia di Stato e l’adempimento degli impegni individuati dal legislatore e assunti dall'impresa beneficiaria.   Sussiste senza dubbio l’interesse  di soggetti terzi  (sindacato-lavoratori) alla gestione  tramite accordi sindacali dei livelli occupazionali, e pur non avendo ad oggetto la disposizione emergenziale  l’attribuzione di un determinato trattamento economico-normativo,  viene posto un “limite” all’esercizio dei poteri unilaterali del datore di lavoro in favore dei dipendenti. 

In ogni caso l’utilizzo  dei finanziamenti “garantiti”  potrà assumere  una specifica rilevanza  anche nella valutazione della legittimità dei licenziamenti individuali e/o collettivi,  ove si considerino i vincoli “di scopo” posti dal legislatore alla destinazione  delle somme erogate.