Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Cambio della guardia

Giorgio Airaudo è il nuovo segretario generale della Cgil del Piemonte

  • a
  • a
  • a

Eletto oggi dall'assemblea Generale della Cgil Piemonte con il 74% dei voti. "C'è una grossa domanda di sindacato e c'è bisogno che i lavoratori e le lavoratrici pesino nella ricostruzione di un Piemonte giusto e solidale"

Giorgio Airaudo è il nuovo segretario generale della Cgil Piemonte. È stato eletto oggi dall’assemblea Generale della Cgil Piemonte, riunita al Teatro Concordia di Venaria, in sostituzione di Pier Massimo Pozzi, che ha maturato i requisiti per andare in pensione. Airaudo è stato eletto con il 74% dei voti a favore (119 sì, 43 no).

Giorgio Airaudo, 61 anni, nel 2001 viene eletto segretario della Fiom provinciale torinese. Nel 2010 entra nella segreteria nazionale dell’organizzazione, nel 2013 viene eletto alla Camera dei Deputati. Nel settembre 2020 diventa segretario della Fiom Piemonte. 

Dopo aver ringraziato il segretario uscente, Pier Massimo Pozzi, per il lavoro svolto, Giorgio Airaudo ha dichiarato “che è un impegno importante, bisognerà approfondire tutte le energie che abbiamo perché c'è una grossa domanda di sindacato e c'è bisogno che i lavoratori e le lavoratrici pesino nella ricostruzione di un Piemonte giusto e solidale. Bisogna riconquistare una sanità pubblica accessibile a tutti, bisogna garantire l'assistenza alle persone non autosufficienti, facendo uscire dalla solitudine quella condizione e bisogna davvero impedire le morti del lavoro. Vogliamo sapere quante ispezioni fanno gli Spresal e l’Ispettorato del Lavoro e infine non possiamo dimenticare che va contrastato il lavoro povero: la Cgil si aprirà per auto-organizzare i lavoratori più precari e inoltre abbiamo bisogno di risposte industriali che ci facciano uscire dai 15 anni di cassa integrazione a Mirafiori”.

All’assemblea ha partecipato il segretario generale Cgil, Maurizio Landini: “Mi sembra una bella giornata, un buon risultato. Credo che quanto fatto oggi dalla Cgil Piemonte sia un buon investimento. Voglio ringraziare anche Massimo Pozzi per tutto il lavoro che ha fatto e per il contributo che ha dato, per la continuità della sua azione nella Cgil Piemonte. E al compagno e amico Giorgio Airaudo dico: al lavoro e alla lotta”.