Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Insieme per la giustizia

Io sciopero perché le fasce deboli della nostra società meritano rispetto

Foto: Marco Merlini
Giovanni Mininni
  • a
  • a
  • a

Il segretario della Flai Cgil, Giovanni Mininni, ci racconta perché è giusto incrociare le braccia il 16 dicembre

È uno sciopero generale contro una manovra ingiusta e inadeguata, che amplifica le disuguaglianze e non favorisce unoccupazione stabile e di qualità. Il governo, nonostante i miglioramenti che siamo riusciti a conquistare in legge di bilancio, ha fatto un capolavoro alla rovescia: toglie ai poveri per dare ai ricchi e riduce le aliquote da 5 a 4, ignorando il principio costituzionale della progressività della tassazione. Altro che riduzione della pressione fiscale sul lavoro dipendente e sui pensionati.

Per giunta i salari italiani sono gli unici nel quadro europeo a essere diminuiti (del 2,9%) dal 1990 ad oggi, come dimostra una recente elaborazione di Openpolis su dati Ocse. Le risorse del Pnrr dovrebbero consolidare luscita dalla crisi, sia sanitaria che economica.

Chiediamo che la legge Fornero cambi profondamente, vogliamo una vera riforma fiscale redistributiva, per far pagare le tasse a chi ha di più e a chi evade. Scioperiamo contro la precarietà che ormai sembra essere lineluttabile destino cui sono condannati i giovani che si affacciano al lavoro, e quanti il lavoro lo perdono, senza trovare alternative.

Precarietà significa insicurezza sociale, povertà e in prospettiva pensione da fame. Una bomba sociale che va disinnescata subito. Se non ora, che ci sono le condizioni e le risorse per una vera ripresa economica, quando? Le lavoratrici ed i lavoratori, le pensionate e i pensionati, le fasce deboli della nostra società meritano rispetto e dignità.