Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

La vertenza

Fiom: Non lasceremo il Mise senza una soluzione per Whirlpool 

Foto: Marco Merlini
  • a
  • a
  • a

“È molto grave quello che è successo. Ieri sera ci avevano assicurato l’aggiornamento del tavolo sulla vertenza Whirlpool di Napoli per questa mattina alle ore 9 alla presenza dei ministri Giorgetti e Orlando, e invece non si è presentato nessuno dei due". A dichiararlo in una nota congiunta sono Barbara Tibaldi, segretaria nazionale Fiom Cgil e responsabile elettrodomestico e Rosario Rappa, segretario generale Fiom Cgil Napoli. 
"Il ministro Orlando si è collegato solo per pochi minuti, mentre il ministro Giorgetti sappiamo che ha interloquito con la multinazionale ma non è venuto al tavolo ad informarci su quanto si sono detti. 
È una mancanza di rispetto mai vista prima nei confronti delle organizzazioni sindacali ma soprattutto delle lavoratrici e dei lavoratori. 
Whirlpool inoltre continua ad avere un atteggiamento arrogante e non ha modificato la sua posizione rispetto a ieri, rifiutando l’ipotesi dell’allungamento dei tempi della procedura di licenziamento. 
È necessario che il governo intervenga sulla proprietà americana della multinazionale. Ribadiamo che da qui non ce ne andiamo finché non sarà trovata una soluzione che scongiuri i licenziamenti”.

Leggi anche

Napoli

Whirlpool, vertice non-stop al Mise. Fiom: serve prorogare i licenziamenti

L'esecutivo assicura la costituzione del Consorzio che rileverà l'azienda, ma il piano industriale non arriverà prima del 15 dicembre. Sindacati: "La multinazionale sempre arrogante con lavoratori e governo