Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Il caso

Auchan/Conad, l'operazione è illegittima

Foto: Simona Caleo
  • a
  • a
  • a

La sentenza del tribunale di Torino: escludere una parte dei lavoratori degli ipermercati nei passaggi di ramo d'azienda viola gli articoli 2112 e 2555 del Codice civile. La vittoria della Filcams: "Ora ridare subito un impiego a tutti gli addetti in esubero"

Escludere una parte delle lavoratrici e dei lavoratori degli ipermercati Auchan dai passaggi di ramo d’azienda è contro quanto previsto dagli articoli 2112 e 2555 del Codice civile. Lo ha stabilito la sentenza del tribunale di Torino, deliberando così sulle cause promosse dalla categoria territoriale. Sentenza che prevede l’immediato reintegro di tutte le lavoratrici e i lavoratori e convalida la posizione della Filcams Cgil, che ormai da mesi segnalava l’illegittimità dell’operazione in tutte le sedi sindacali e istituzionali.

In coerenza con questa posizione la Filcams non ha firmato accordi con Margherita Distribuzione, la società creata ad hoc da Conad e dal finanziere Raffaele Mincione per gestire poi le cessioni verso terzi delle unità produttive ex Auchan e Sma.

L’architettura dell’operazione, disegnata dai consulenti della multinazionale Pwc, viene quindi disconosciuta dalla sentenza, che si aggiunge a quella arrivata pochi giorni fa e promossa dalla Uiltucs, e a cui ne seguiranno altre.

“Questa vittoria riafferma la dignità delle lavoratrici e dei lavoratori ingiustamente esclusi – dichiara Alessio Di Labio, segretario nazionale della Filcams Cgil -. Ora chiederemo alle istituzioni nazionali e regionali di sollecitare Conad a ridare un lavoro a tutti gli addetti ancora in esubero”.

È inaccettabile, secondo il sindacato, che Conad continui a chiedere risorse alle Regioni per finanziare le politiche attive sulla base di una individuazione degli esuberi che è contro la legge, mentre in questa fase di pandemia ha registrato fatturati e utili da capogiro su tutta la rete vendita nazionale.