Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Automotive

Stellantis, assemblee unitarie a Pomigliano e Nola

Foto: foto Luca Fenderico / Sintesi
  • a
  • a
  • a

Fiom nazionale e provinciale: "Azienda e Governo devono garantire lo sviluppo della produzione e la tutela dell'occupazione nei due stabilimenti"

Si sono svolte oggi le assemblee unitarie degli stabilimenti Stellantis di Pomigliano e Nola, che hanno visto un'alta partecipazione delle lavoratrici e dei lavoratori degli stabilimenti. Tanti i temi discussi, dall'impatto della cassa integrazione alla missione produttiva dello stabilimento.

"Per garantire la piena occupazione ed eliminare il ricorso agli ammortizzatori sociali, l'avvio della produzione del Tonale ‒ peraltro slittata più volte ‒ non basta, è necessario mantenere la produzione della Panda in grado di garantire alti volumi. L'aumento degli ammortizzatori sociali ha un impatto considerevole sul salario dei lavoratori e sulla maturazione dei ratei su cui chiediamo all'azienda di farsi carico. Va affrontato poi il problema dei lavoratori a ridotte capacità lavorative e il ricambio generazionale degli stabilimenti. Formazione e nuova occupazione sono fondamentali per poter affrontate le sfide che la transizione ecologica e digitale sta ponendo". Lo dichiarano in una nota congiunta Simone Marinelli, coordinatore nazionale automotive per la Fiom Cgil e Mario Di Costanzo della segreteria Fiom di Napoli.

"Il confronto con l'azienda proseguirà nelle prossime settimane e dovrà fare chiarezza sulle questioni organizzative, sui costi industriali ma soprattutto sul futuro degli stabilimenti e sulla garanzia della capacità produttiva ed occupazionale. Chiediamo ancora una volta al Governo di svolgere un ruolo e di procedere con l’avvio del tavolo sull’automotive in cui è fondamentale anche la presenza di Stellantis. Occorrono risposte urgenti per la tutela dell’occupazione e delle condizioni di lavoro delle lavoratrici e dei lavoratori del gruppo e di tutta la filiera”, rilevano i due dirigenti sindacali.