Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Pubblica amministrazione

Fp Cgil a Brunetta: sul contratto della sicurezza servono tempi rapidi

Roma, 9 dicembre 2020: Funzione Pubblica, sciopero lavoratori dei Servizi Pubblici e presidio a Palazzo Vidoni
Foto: Marco Merlini
  • a
  • a
  • a

"Chiediamo risposte concrete"

“Anche noi auspichiamo tempi rapidi per il rinnovo del contratto del personale del comparto sicurezza: i poliziotti penitenziari aspettano da troppo tempo risposte concrete e vogliamo un contratto che tenga in considerazione le nostre proposte”. Questo il commento della Fp Cgil alle dichiarazioni del ministro della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, che auspica di chiudere entro giugno il contratto del comparto sicurezza.

Per il sindacato, “ci sono questioni che non possono essere rimandate ulteriormente e per chiudere il contratto i poliziotti penitenziari pretendono risposte sull'istituzione della previdenza complementare, sull’indennità per chi lavora all'interno delle carceri, sull'aumento della retribuzione del lavoro straordinario, sulla possibilità di scegliere i rappresentanti sindacali tramite le Rsu, sulle discriminazioni di genere e sulle molestie sessuali, sul contrasto allo stress correlato al lavoro. Il tutto oltre ad un aumento adeguato della retribuzione tabellare, almeno superiore al precedente rinnovo. La volontà di chiudere celermente non sia una scusa per rimandare ulteriormente le questioni che abbiamo indicato nella nostra proposta, come dice il ministro: i poliziotti hanno bisogno di risposte concrete”, conclude la Fp Cgil.