Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Diritti svenduti

La befana porta il carbone agli shopper

Deliveroo Germania, Berlino 18/11/2015 : Roberto Urso, corriere di Deliveroo, consegna cibo a domicilio in bicicletta. Deliveroo è il nuovo sistema di consegna di pranzo/cena a domicilio Foto di © Photoshot/Sintesi Bicycle courier for the
Foto: Agenzia Sintesi
Davide Colella
  • a
  • a
  • a

Nidil e Filcams Cgil denunciano l'accordo separato tra Assogrocery e Fisascat Cisl con il quale i lavoratori rinunciano a rinunciano a malattia, infortunio, maternità

Everli è una piattaforma per la spesa online. Il cliente ordina i prodotti sul sito, gli shopper si recano al supermercato, fanno la spesa e la consegnano direttamente a casa. Un business cresciuto  in modo esponenziale durante la pandemia. Mentre i rider fanno passi avanti per il riconoscimento dei loro diritti, Assogrocery sta da tempo cercando una strada per prevenire i contenziosi.

In una nota, il Nidil ripercorre gli incontri con l'associazione datoriale. Nel corso del 2020, l’azienda ha convocato le categorie Nidil Cgil, Felsa Cisl e UilTemp per proporre un'intesa che cristallizzasse la condizione di precarietà degli shopper: tutti “assunti” con contratto di collaborazione occasionale o con partita Iva. La proposta non viene considerata accettabile dalle categorie confederali e il confronto naufraga nel tentativo dell’impresa di far recepire ai sindacati un impiego a cottimo.

Il 30 dicembre scorso, comunica NIdil, Assogrocery ha annunciato un accordo con Fisascat Cisl. Il testo non è stato diffuso e sarà inviato direttamente ai lavoratori tramite mail invitandoli a compilare un format per certificare il mandato alla firma per l’organizzazione sindacale. Non è chiaro – prosegue la nota – se si tratti di un contratto integrativo o di una sorta di nuovo contratto nazionale che ricalca quello capestro sottoscritto da Ugl e Assodelivery. Ma dal comunicato che le imprese hanno diffuso – prosegue la nota – una cosa è chiara: gli shopper rinunceranno ai diritti che spettano ai lavoratori dipendenti, così malattia, infortunio, maternità più che diritti "diventeranno premi di una gara a punti a cui i lavoratori partecipano nella speranza di raggiungere un minimo di dignità".

Ci auguriamo – conclude il comunicato – che i lavoratori respingano questo tentativo maldestro e la consultazione promossa dall’impresa e che per il giorno dell’Epifania pretendano qualcosa di più di un tozzo di carbone.

Leggi anche

Le ferite del lavoro

Dopo la selvaggia aggressione ai danni di un rider napoletano in città scatta una gara di solidarietà civile. Il NIdiL Cgil chiede di intensificare la battaglia su diritti e dignità del lavoro