Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

«Nessuno deve essere licenziato»

«Nessuno deve essere licenziato»
Foto: Marco Merlini
  • a
  • a
  • a

Il segretario generale della Cgil Maurizio Landini risponde alle domande sul nuovo protocollo per il contrasto alla diffusione virus Covid-19: "Un accordo importante per i lavoratori"

"Abbiamo fatto un lavoro importante". Lo afferma il segretario generale della Cgil Maurizio Landini rispondendo alle domande su Facebook (qui sotto il video integrale dell'inedita conferenza stampa "a distanza", a cura di Martina Toti e Ivana Marrone) dopo la firma del protocollo per la sicurezza dei lavoratori di fronte all'emergenza coronavirus. "Il messaggio – ha detto Landini – è che la salute e la sicurezza vengono prima dei profitti e delle rendite". E "l'altro messaggio è che nessuno deve restare solo. Nessuno deve essere licenziato", ha aggiunto riferendosi alle nuove misure in arrivo dal governo sul fronte degli ammortizzatori sociali.

"Prima viene la salute e la sicurezza perché questa è la condizione per far ripartire la nostra economia", ha sottolineato il leader della Cgil durante la diretta Facebook: "Ci deve essere un livello di unità e concordia generale: per questo abbiamo fatto una cosa importante. Questo protocollo oggi mette a disposizione una strumentazione importante ma c'è bisogno di una volontà e di un'attenzione. Non sono in grado di dire se tutte le imprese capiranno questo messaggio, se tutti i lavoratori capiranno questo messaggio". Oggi, ha concluso, "ci sono volendo gli strumenti, i percorsi per poter affrontare questa situazione senza che i lavoratori perdano il proprio reddito e mettendo nelle condizioni le aziende di poter produrre".

ALTRI SERVIZI:
L'ACCORDO TRA SINDACATI E PARTI DATORIALI, E. Di Nicola S.MIlani
SCARICA IL PROTOCOLLO (PDF, 12 pagine)
VIDEO
/ TUTTI SUL BALCONE, IL FLASH MOB IN CGIL
Continua l'ondata di scioperi per la sicurezza
L’Europa coordini le sue istituzioni
, R.Sanna
Banche, business as usual, S.Iucci
Anche scrivere richiede fiducia nel prossimo, A.Sarchi