Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Bologna

Saga Coffee, due gruppi interessati alla reindustrializzazione

Foto: www.facebook.com/fiomcgil
  • a
  • a
  • a

Fiom-Fim-Rsu: "Restano le preoccupazioni sull'occupazione futura. Nessuno deve essere lasciato solo e il passaggio verso il rilancio non deve determinare licenziamenti". Oggi le assemblee dei lavoratori, mentre continua il presidio permanente

Nell'ambito della vertenza Saga Coffee, si è tenuto ieri l'incontro presso la Regione Emilia Romagna. fra sindacati e azienda. Al summit, oltre ad Evoca, i sono presentati due gruppi industriali Tecnostamp e Minifaber, entrambi interessati a realizzare un progetto di reindustrializzazione del sito di Gaggio Montano.

"Sicuramente siamo in presenza di una novità vera sul piano industriale, perché si tratta di gruppi industriali seri e che hanno dichiarato l’intenzione di realizzare investimenti sul sito. Dal momento però che un preaccordo fra Evoca e i gruppi interessati è stato raggiunto solo nella giornata di ieri, ancora non sono chiari i tempi del progetto né quanti lavoratori e lavoratrici saranno rioccupati., sostengono in un comunicato congiunto Fiom Cgil, Fim Cisl di Bologna ed Emilia Romagna, oltre alla Rsu aziendale.

I sindacati hanno ribadito che questo passaggio, estremamente delicato, non può determinare licenziamenti. "Confermiamo il nostro impegno affinché si realizzino tutte le condizioni per il rilancio industriale del sito, consapevoli che dovranno essere tenuti insieme tanto il piano sociale quanto il piano industriale, entrambi con un impegno concreto da parte di Evoca. La Regione ha riconvocato tutti i soggetti presenti per martedì 11 gennaio", concludono le due sigle di categoria. Oggi si svolgeranno le assemblee della lavoratrici e dei lavoratori, mentre continua il presidio permanente.