Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Scuola

Sicurezza e definizione delle responsabilità non più rinviabili

Foto: Marco Merlini
  • a
  • a
  • a

La Flc interviene sugli avvisi di garanzia a un dirigente scolastico e alla sindaca di Crema: "Una battaglia di civiltà che deve partire in primo luogo dalla realizzazione degli interventi di messa in sicurezza di tutte le scuole del Paese, attraverso gli obiettivi previsti dal Pnrr"

Gli avvisi di garanzia pervenuti a un dirigente scolastico a seguito della morte per Covid di un dipendente della scuola e alla sindaca di Crema per l'infortunio a un bimbo di un asilo comunale causato dalle anomalie una porta tagliafuoco, "richiamano drammaticamente il tema delle responsabilità in materia di sicurezza nelle scuole", afferma la Flc Cgil in una nota.

"Da anni - continua il sindacato - chiediamo di regolare, con disposizioni chiare e inequivocabili, il carico insopportabile di responsabilità che ricade sui dirigenti scolastici, reso ancora più pesante dalle condizioni critiche in cui versano la maggior parte degli edifici.Riteniamo indispensabile un intervento legislativo che precisi le responsabilità dei dirigenti nella gestione degli edifici scolastici e gli ambiti che sono invece di competenza degli enti locali per quanto riguarda gli aspetti strutturali degli immobili". 

Per la Flc si tratta di "una battaglia di civiltà che deve partire in primo luogo dalla realizzazione, non più rinviabile, degli interventi di messa in sicurezza di tutte le scuole del Paese, attraverso gli obiettivi previsti dal Pnrr e, deve proseguire poi, individuando e attribuendo correttamente i diversi ambiti di responsabilità che spettano ai soggetti in campo, amministrazioni locali, amministrazione scolastica centrale e periferica, dirigenti scolastici, in una logica di coesione nazionale e di pari condizioni per le opportunità di apprendimento in ogni parte del Paese". La sicurezza delle strutture scolastiche, conclude la nota, "riguarda milioni di cittadini italiani che nelle scuole studiano e lavorano ogni giorno: dall'amministrazione scolastica, agli enti locali, al Governo e al Parlamento, tutti devono essere coinvolti nella ripresa di una campagna di sensibilizzazione su questo tema".