In evidenza:
Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Solidarietà

Il grande cuore dei lavoratori Gentilini

Giorgio Sbordoni
  • a
  • a
  • a

Gli addetti della storica azienda donano il loro bonus straordinario alle famiglie bisognose. Centinaia di scatole di biscotti e fette biscottate sono arrivate sulle loro tavole tramite i volontari dell'associazione Nonna Roma

Una decisione presa all’unanimità. Tutti d’accordo. Quel bonus elargito loro dall’azienda per lo sforzo straordinario compiuto in tempi di pandemia i lavoratori, senza indugio, hanno deciso di devolverlo a chi ne aveva certamente più bisogno. Ha il profumo delle cose buone questo gesto di solidarietà degli operai del biscottificio Gentilini di Roma. E la semplicità che ritroviamo nelle parole di Paolo Cascioli, rsu Flai Cgil, nel video qui sopra, che racconta l’emozione di donare qualcosa, di pensare agli altri, in questi tempi incerti. Ma la racconta come fosse la cosa più normale del mondo. E di fatto così è stato per tutti loro. Senza pensarci su, nel mese di aprile, gli addetti hanno donato tre bancali di prodotti, 950 scatole di biscotti e 1200 confezioni di fette biscottate, a tante persone che di questi tempi non riescono più neanche a fare colazione.

A portare materialmente casa per casa il sorriso e il sollievo di questo atto di generosità ci hanno pensato i volontari di Nonna Roma, un’associazione che sta svolgendo un lavoro straordinario, distribuendo decine di migliaia di pacchi alimentari alle famiglie in stato di bisogno. “La generosità dei dipendenti della Gentilini – ha detto Alberto Campailla dell’associazione di volontariato – dimostra come la solidarietà possa assumere un valore concreto”. “Un gesto di grande valore sociale – ha commentato Eugenio Siracusa, segretario Flai Cgil – in una città che sta facendo fatica a non lasciare indietro nessuno”.