Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Salute e sicurezza

Il covid è «malattia» anche senza sintomi, no al taglio degli stipendi

Foto: Matteo Oi
  • a
  • a
  • a

Cgil, Cisl e Uil: "Non possiamo permettere che chi è costretto al regime d'isolamento venga penalizzato in busta paga. L'Inps deve fare chiarezza"

"La malattia Covid è malattia anche se non si hanno sintomi. Non è così per l'Inps che - a quanto apprendiamo da alcune segnalazioni pervenute da lavoratrici e lavoratori affetti da Covid-19 - non riconosce l'indennità di malattia ai lavoratori dipendenti del settore privato che abbiano contratto il virus Sars-CoV-2, ma che non mostrano una sintomatologia evidente". Lo dicono Francesca Re David, segretaria confederale Cgil, Angelo Colombini, segretario confederale Cisl, e Ivana Veronese, segretaria confederale Uil.

"Davvero incredibile, considerata l'attuale normativa - ci riferiamo all'articolo 4 del Decreto legge 24 marzo 2022 n. 24 convertito in legge 19 maggio 2022 n. 52 e alla Circolare del ministero della Salute n. 19680 del 30 marzo 2022 - che, ancora oggi, impone l'isolamento ai soggetti contagiati che abbiano effettuato un test molecolare o antigenico, con risultato positivo. Disposizioni, tra l'altro, recepite nel protocollo nazionale anti-contagio, aggiornato il 30 giugno scorso, nel paragrafo inerente la riammissione al lavoro dopo l'infezione Covid-19. Il mancato riconoscimento dell'indennità di malattia per le lavoratrici e i lavoratori affetti da Covid-19 e costretti, per legge, all'isolamento fiduciario è, per noi, di assoluta gravità, ancora di più se apprendiamo che alla base di tale mancato riconoscimento vi è un evidente errore di interpretazione sulle causali del certificato di malattia stesso", aggiungono i sindacalisti.

"La causale 'isolamento da Covid' - spiegano - riportata dai medici di famiglia su alcuni certificati di malattia, rimanderebbe - secondo l'interpretazione data dall'Inps - alle disposizioni sulla quarantena contenute all'articolo 26, comma 1 del cosiddetto Cura Italia, che prevede l'equiparazione a malattia del periodo trascorso in quarantena con sorveglianza attiva o in permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva per i lavoratori dipendenti del settore privato e che era in vigore solo fino al 31 dicembre scorso. La malattia conclamata Covid-19, invece, sia essa con sintomi o senza sintomi, e che richiede quindi l'isolamento fiduciario, deve essere per noi trattata come qualsiasi altra malattia e secondo quanto disposto, e tutt'ora in vigore, all'articolo 26, comma 6 del decreto Cura Italia, già menzionato". I rappresentanti del sindacato concludono: "Non possiamo assolutamente permettere che ai lavoratori e alle lavoratrici, sottoposti al regime di isolamento, perché affetti da Covid-19, venga decurtato il loro stipendio. Chiediamo all'Inps di fare chiarezza e di porre rimedio urgente a quanto sta avvenendo in merito al riconoscimento dei certificati di malattia Covid-19".