In evidenza:
Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

L'Aquila

Nuova tappa della "Carovana dei diritti": i paesi della montagna

Foto: Cgil L'Aquila
  • a
  • a
  • a

Nuovo appuntamento mercoledì 30 giugno con la “Carovana dei diritti” della Cgil L’Aquila. Il progetto, realizzato dalla Camera del lavoro per ascoltare i bisogni dei cittadini della provincia, prevede tre tappe pomeridiane in paesi delle aree interne, incontrando sindaci, amministratori e comunità locali: alle ore 15 al Comune di Tione degli Abruzzi, alle 16.30 al Comune di Castelvecchio Subequo e alle 18 al Comune di Gagliano Aterno.

“La Carovana dei diritti è un nuovo modello di azione sindacale, che si richiama alla formula di sindacato di strada e che vuole dare il senso della vicinanza della nostra organizzazione alla gente, attraverso un percorso in movimento”, spiega il segretario generale Francesco Marrelli, evidenziando che l’iniziativa vuole essere “un momento di ascolto e di condivisione con le nostre comunità, di confronto anche con le istituzioni locali per capire quale modello di sviluppo costruire insieme. Un modello che parta dai diritti e dal senso di appartenenza a un territorio, dalla salvaguardia e conservazione ambientale, dal senso di giustizia sociale e di equità”.

Lunedì 28 giugno si è tenuta la prima tappa della Carovana, a Sulmona, con appuntamenti al penitenziario cittadino (dove si è tenuto un incontro col direttore Sergio Romice) e all'ospedale dell'Annunziata (dove si è svolta un’assemblea con i lavoratori della sanità). “La fondamentale necessità del ‘sindacato di strada’ – conclude il segretario Fp Cgil L’Aquila Giuseppe Merola – è per noi un’occasione ulteriore per rivendicare politiche contro lo spopolamento, maggiori servizi territoriali e sociali, lavoro, sanità, istruzione, connessione, conservazione, tutela e valorizzazione del patrimonio ambientale, architettonico e artistico, nonché infrastrutture e continua attenzione verso le aree montane”.