Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Diritti

Diritti

Al via lo sportello arcobaleno

Al via lo sportello arcobaleno

Cgil Modena: "E' un servizio di consulenza aperto a tutti contro le discriminazioni di ogni tipo in qualsiasi contesto". Sarà attivo il primo e il terzo giovedì del mese, dalle ore 16 alle 19, a partire dal 2 dicembre prossimo.

La storia del 25 novembre e delle sorelle Mirabal uccise perché libere

La data

La storia del 25 novembre e delle sorelle Mirabal uccise perché libere

Ilaria Romeo

Repubblica Dominicana. 25 novembre 1960. La jeep su cui viaggiano Minerva, Patria e Maria Teresa con l'inganno di poter rivedere i propri mariti, prigionieri politici, subisce un'imboscata da parte dei servizi segreti del regime di Rafael Leonidas Trujillo. Le donne vengono malmenate, violentate, strangolate e gettate in un fosso, nel tentativo di far sembrare la loro morte un incidente. È anche in ricordo di quel triplice femminicidio che il 25 novembre di ogni anno è dedicato all'eliminazione della violenza contro le donne

La razza italiana

La legge

La razza italiana

Ilaria Romeo

Il 17 novembre 1938, XVII dell'era fascista, Vittorio Emanuele III di Savoia, re d'Italia e imperatore d'Etiopia, firma il Regio decreto-legge n. 1728, recante Provvedimenti per la difesa della razza italiana. Alla firma di Vittorio Emanuele, seguono quelle di Mussolini dei ministri Galeazzo Ciano, Paolo Thaon di Revel, Ferruccio Lantini, del guardasigilli Arrigo Solmi. “Non fu tanto la cattiveria, la crudeltà, l'antisemitismo o tutto il peggio che vogliamo dire che portarono ad Auschwitz - diceva qualche anno fa la senatrice a vita Liliana Segre - Fu l'indifferenza, quel voltare la faccia dall'altra parte, quel dire: “basta con questi ebrei, ma cosa ce ne importa, non succede a noi” (…) L'indifferenza racchiude la chiave per comprendere la ragione del male, perché quando credi che una cosa non ti tocchi, non ti riguardi, allora non c'è limite all'orrore. L'indifferente è complice. Complice dei misfatti peggiori”

Omofobia a Napoli, la Cgil ha chiesto un confronto con le istituzioni

Diritti

Omofobia a Napoli, la Cgil ha chiesto un confronto con le istituzioni

Cgil Napoli: "Come denunciato da Arcigay, nei giorni scorsi presso il lungomare di Castellammare di Stabia si è consumato un grave episodio di omofobia: una coppia è stata aggredita da un branco di violenti, e solo l'intervento di alcuni passanti ha evitato il peggio. Occorre garantire piena cittadinanza a tutti. Per questo, chiediamo un incontro urgente con i responsabili dell'amministrazione comunale che devono prendere posizione con parole chiare rispetto all'accaduto"

Vai all'archivio