Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Quando, all'improvviso, ti viene proibito tutto

Quando, all'improvviso, ti viene proibito tutto
Foto: foto Matteo Biatta/Ag.Sintesi
Gianni Biondillo
  • a
  • a
  • a

Abbiamo chiesto a un gruppo di autori di raccontarci come è cambiata la loro vita nei giorni dell'epidemia. Il contributo di Gianni Biondillo: "Senti come una ferita, un vuoto. Ti senti sbilanciato, asimmetrico"

(Terza puntata del nostro viaggio tra coronavirus e scrittori)

Forse l'immagine dello scrittore solitario, nel chiuso delle sue stanza, che non fa altro che vergare pagine mentre fuori infuria la bufera, può piacere a qualche romantico d'accatto, ma è pura finzione. Scrivere non è un'attività solitaria. Lo è forse in un dato momento, ma c'è una vita, c'è un mondo da frequentare se si vuole scrivere. La settimana dello scrittore ha momenti schizofrenici. Certo, ci sono la solitudine, il raccoglimento, le ore passate davanti al computer. Ma ci sono anche i viaggi, gli incontri, le scuole, le conferenze. Ci sono le fiere, i saloni, le redazioni, le presentazioni dei libri, tuoi o di altri, nelle librerie, nei centri culturali, nelle scuole.

Quando d'improvviso ti viene proibito tutto ciò senti come una ferita, un vuoto. Ti senti sbilanciato, asimmetrico. Per assurdo, proprio ora che in teoria ho più tempo per scrivere, scrivo di meno, con più difficoltà. Questo tempo “sospeso” è un tempo che non passa, che non si mette a frutto. Le scolaresche, i lettori, i colleghi, gli editori, la gente comune, quella che ti ferma per strada, il bar dove fai colazione, le mostre, i teatri, il cinema, sono il cibo quotidiano, la pasta da modellare, il muro da scalare, la materia prima, rigenerante per ogni scrittore. Nessun artista opera da solo, anche il più solitario.

Ma poi, ché di lavoro si parla, non di un ozioso passatempo, non di un hobby da farsi nel tempo libero, la ricaduta economica - per chi come me vive di parole, chi, insomma, non ha uno stipendio o una rendita assicurata - è disastrosa. Mi sono saltati incontri, conferenze, appuntamenti, convention programmati da mesi e che non potranno essere recuperati. Su alcune di queste, dove erano presenti rimborsi, fee, gettoni di presenza, avevo fatto affidamento per tamponare il mio magro bilancio familiare. Di libri, solo di libri, non si vive in Italia.

E, lo voglio dire, mi infastidisce sentire in televisione chi, cercando di sembrare simpatico o intelligente, se ne esce con dichiarazioni risibili. Cose tipo: “Be', ora abbiamo il tempo per leggerci un buon libro”. Ché c'era bisogno della prospettiva di una pandemia per consigliarlo! Già prima di tutto ciò nessuno andava in una libreria, figuriamoci oggi. Tutto questo tempo sospeso non sarà utilizzato per leggere libri, siamo seri. In un tempo che non passa, in un tempo di pura attualità, il tempo lo passeremo consultando siti di notizie, facendo la conta dei morti e dei sopravvissuti, inebetendoci di fronte allo schermo televisivo, augurandoci nell'intimo la rissa. Per poi magari scrivere sui social che, male che vada, dobbiamo prenderci questo tempo “per aprire finalmente un buon libro”. Che non c'è nella maggior parte delle case degli italiani.

Noi nell'epidemia, uno smarrimento sconsolato e miteLisa Ginzburg
A loro la scuola manca, e anche a meFrancesco Targhetta
Nel tempo del coronavirus, le parole che servonoDavide Orecchio