Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Trasporti, Filt: bene Ue su divieto riposi settimanali a bordo camion

Autotrasporto, no alle modifiche della Commissione Ue
Foto: (fotografia di pierows, da Pixabay)
  • a
  • a
  • a

Guida: “Da anni, denunciamo le difficoltà dei lavoratori su carichi di lavoro, sicurezza stradale, inadeguatezza delle infrastrutture e concorrenza sleale. Questo pronunciamento può contrastare l'uso distorto di pratiche come il distacco transnazionale"

“Da anni, denunciamo le difficoltà dei lavoratori, in termini di carichi di lavoro, sicurezza stradale, inadeguatezza delle infrastrutture e concorrenza sleale”. È quanto afferma la segretaria nazionale Filt, Giulia Guida, sulla sentenza della Corte di giustizia Ue, che conferma il divieto per conducenti di pullman e camion di trascorrere i loro periodi di riposo settimanali nei veicoli, sottolineando che “finalmente arriva un pronunciamento autorevole, che può aiutare a contrastare l’utilizzo distorto di pratiche come il distacco transnazionale, che crea condizioni inaccettabili per gli autisti e di sicurezza per tutti gli utenti della strada”.

“L’auspicio – prosegue la dirigente sindacale – è che sempre più si facciano interventi per migliorare le condizioni di lavoro dei camionisti, valorizzandone la professionalità. Con il rinnovo del contratto nazionale Logistica, trasporto merci e spedizioni, abbiamo valorizzato le mansioni del personale viaggiante e introdotto le condizioni per contrastare il distacco e la somministrazione transnazionale. Inoltre, servono maggiori controlli e sanzioni alle imprese per i periodi di riposo settimanali spesi nei veicoli, in quanto nell’autotrasporto si continua a offrire l’opportunità alle aziende di accedere al mercato attraverso il dumping salariale, mettendo così gli interessi commerciali di certi paesi, ma anche di certe aziende nazionali, davanti a quelli dei lavoratori”.