Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Il video

Treofan, silenzio in fabbrica

Fabrizio Ricci
  • a
  • a
  • a

All'interno del capannone nel polo chimico di Terni, dove prima non si riusciva a parlare per il rumore dei macchinari, oggi c'è un clima surreale. È il vuoto lasciato da una multinazionale che ha acquistato e in soli tre anni chiuso una produzione storica per l'Italia

Quello della Treofan è sotto molti aspetti un caso di scuola per quanto riguarda lo strapotere delle multinazionali e il loro atteggiamento “predatorio” nei confronti del territorio. Il punto di arrivo è ben rappresentato dal silenzio assordante di un capannone industriale dove fino ad alcuni mesi fa il rumore delle produzioni non consentiva nemmeno di parlare al collega vicino. Da quello stabilimento, fulcro del polo chimico ternano, usciva il polipropilene, quel materiale rivoluzionario che proprio a Terni fu scoperto dal premio Nobel per la chimica Giulio Natta e poi portato in tutto il mondo. 

Per arrivare al silenzio della fabbrica, che coincide anche con la messa in cassa integrazione di oltre 200 lavoratori, ci sono voluti appena 3 anni. Nell'agosto 2018 la multinazionale indiana Jindal ha acquisito il gruppo Treofan, che in Italia aveva due stabilimenti produttivi, Battipaglia e Terni. Il primo, un’ottantina di posti di lavoro, ha avuto pochi mesi di vita: sostanzialmente fermato già a dicembre 2018, non è mai più ripartito. Per Terni invece le cose sono andate più per le lunghe. Lo stabilimento è sempre andato sostanzialmente bene, con un notevole parco clienti, che è probabilmente proprio quello che a un “concorrente" come Jindal faceva più gola. E non a caso il sospetto di un’operazione sporca, finalizzata appunto ad eliminare un concorrente di mercato, acquistandolo, è stata sin da subito paventata dai sindacati, Filctem Cgil in testa. A tre anni di distanza quei sospetti si sono trasformati in uno stabilimento chiuso. 

Ora l’unica opzione possibile è la riconversione, perché andandosene Jindal - che in Italia ha ricevuto anche fondi pubblici - ha persino preteso che nello stabilimento ternano non si possano più fare le stesse produzioni. Intanto, la cassa integrazione per 127 famiglie scadrà a febbraio. 

Leggi anche

L'intervista

Aziende in fuga, che fare?

Paolo Andruccioli

Con la pandemia sono cambiate alcune delle condizioni dello spostamento delle produzioni all'estero. Si può immaginare un ritorno in patria? O continuerà la guerra del costo del lavoro? È necessaria una legge? Lo abbiamo chiesto al segretario confederale della Cgil, Emilio Miceli