Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Il saluto

Landini: "Questa è la nostra storia"

D. C.
  • a
  • a
  • a

Per il leader della Cgil le Camere del lavoro devono tornare alle proprie origini: luoghi in cui le persone possano trovare risposte ai loro problemi

"Voglio ringraziarvi e congratularmi con voi per la scelta di aprire una Camera del lavoro in Val di Sangro". Sono le prime parole che il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, rivolge a dirigenti, lavoratori e volontari del nuovo presidio sindacale inaugurato nel cuore produttivo della provincia di Chieti.

"Si tratta di una scelta importante, in una zona industriale dove lavorano molte persone – ha spiegato Landini – dobbiamo essere loro vicini: offrire servizi e tutele". Per il leader di Corso d'Italia, ci saranno senz'altro dei ritorni positivi "perché, mai come adesso, le lavoratrici e i lavoratori hanno bisogno di qualcuno che si curi dei loro problemi e che li metta nelle condizioni di potersi rappresentare".

"Le camere del lavoro devono tornare alle proprie origini – ha esortato il leader della Cgil – cioè essere luoghi collettivi che rispondono anche a problemi individuali. Luoghi in cui tutte le persone che hanno bisogno, qualsiasi rapporto di lavoro esse abbiano, sappiano che possono trovare risposte ai loro problemi. Questa la nostra storia".

Leggi anche

L'intervento

In Abruzzo il lavoro si fa strada

Manola Cavallini

La Val di Sangro è il cuore pulsante della regione. Nonostante questa vivacità, anche qui si sono affrontate numerose crisi. Fondamentale la passione e lo spirito di servizio di un gruppo capace di rispondere alle sfide imposte dalla pandemia