Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Taranto

Ex Ilva, al via la nuova società. Ma restano nodi

Ilva Taranto: parte il negoziato sugli ammortizzatori
  • a
  • a
  • a

Si è conclusa formalmente la prima fase del percorso di ingresso di capitale pubblico in Arcelor Mittal. Re David e Venturi, Fiom Cgil: recuperare i ritardi sulle strategie industriali

Si è conclusa formalmente la prima fase del percorso di ingresso di capitale pubblico in Arcelor Mittal attraverso Invitalia. Il passaggio "rappresenta un passo nella direzione tracciata dall’accordo con il Governo. Da oggi l’ex Ilva è formalmente una società pubblico-privata e può avviarsi e consolidarsi un percorso che consenta di recuperare i colpevoli ritardi nel rilancio delle strategie industriali, ambientali, e occupazionali del gruppo siderurgico".  Lo dichiarano in una nota congiunta Francesca Re David, segretaria generale Fiom Cgil e Gianni Venturi, segretario nazionale Fiom Cgil e responsabile siderurgia.

"Le conseguenze di questa operazione che porterà a maggio 2022 alla separazione delle attività e delle passività di bilancio (comprese le quote di passività residua dell’affitto e dell’acquisto dei rami di azienda ex Ilva) carica sul nuovo soggetto societario, Acciaierie d'Italia, un’eredità sicuramente pesante", continua la nota.

Secondo Re David e Venturi si tratta di "un’eredità pesante non solo in termini finanziari, ma di condizione generale degli impianti, di mancata innovazione tecnologica, di condizioni di ambiente e sicurezza, di incertezza occupazionale appesantita anche da recenti decisioni inaccettabili e surreali nella gestione delle relazioni sindacali e industriali". "Per queste ragioni la decisione di oggi deve essere parte di una scelta più generale che colloca le prospettive di Acciaierie d'Italia dentro il piano nazionale per la siderurgia e l’utilizzo delle risorse del Recovery Fund, da discutere in un confronto urgente con le parti", si legge ancora nel comunicato.

"La decisione dello sciopero dello stabilimento di Taranto e le tensioni in tutti gli stabilimenti del gruppo hanno quindi un fondamento legato sia alla necessità di difendere gli impegni e i vincoli occupazionali dell’accordo di settembre del 2018, sia di garantire una transizione sostenibile sul piano industriale e ambientale”, termina la nota.