In evidenza:
Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Coronavirus: Fp Cgil, ritardo dpi in dipartimenti Presidenza consiglio ministri

  • a
  • a
  • a

"Ritardi nel rifornimento di adeguati Dispositivi di Protezione Individuale tra i dipartimenti della Presidenza del Consiglio dei Ministri, insieme al bisogno di adottare misure ancora più incisive, come la rilevazione della temperatura corporea in ingresso negli uffici". Ad affermarlo è la Funzione Pubblica Cgil in merito a quanto si sta registrano all'interno delle articolazioni della Presidenza.

"Abbiamo apprezzato - osserva il sindacato - tempi e modalità dell'intervento di indirizzo del Segretario Generale in merito alle misure da adottare per prevenire il contagio da Covid-19 ma non possiamo dire altrettanto del tempismo e dell'attenzione rivolta ai propri collaboratori per buona parte delle articolazioni della Presidenza. L'autonomia organizzativa che caratterizza gli assetti dipartimentali in questo caso non ha rappresentato una specificità da mettere in valore ma un profondo e grave limite che ha generato (e in taluni casi ancora genera) senso di pesante incertezza, quando non instabilità, preoccupazione e incomprensibile ritardo da parte della totalità delle lavoratrici e dei lavoratori. A maggior ragione dopo i casi di contagio registrati proprio al Dipartimento della Protezione Civile cui tutti noi facciamo riferimento nell'emergenza".

Inoltre per la Fp Cgil, "ora che lo stato di crisi entra in una fase non più meramente emergenziale, con cui bisogna sapere e poter fare i conti, non è più sostenibile mettere in sospensione le normali relazioni tra amministrazione e rappresentanze delle lavoratrici e dei lavoratori. Vanno individuate nuove e più tempestive modalità relazionali, utilizzando gli strumenti tecnologici adeguati. Per questo sollecitiamo una convocazione urgente delle organizzazioni sindacali, delle Rsu, degli Rls, del Cug, con le modalità che si riterranno più opportune, al fine di fare il punto, sullo stato di attuazione delle diverse disposizioni impartite nella fase dell'emergenza, in maniera analitica per i singoli Dipartimenti, comprenderne problematicità e prospettive, i livelli di criticità riscontrate tra il personale". Infine, conclude la Fp Cgil, "ci rendiamo conto che sulla Presidenza del Consiglio ricadono oggi responsabilità nella gestione dell'emergenza Covid-19, tuttavia diciamo fin da ora che per noi è prioritario chiudere il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro 2016-2018, per il personale del Comparto e per l'Area della Dirigenza, e che nei modi e nei tempi compatibili in questa fase vanno riprese al più presto le trattative per la loro definizione".