Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

bruno-trentin

La misura

Addio scala mobile. La scelta dolorosa di Bruno Trentin

Ilaria Romeo

Ecco cosa accadde davvero quando venne firmato l'accordo che pose fine al meccanismo che adeguava automaticamente i salari all'aumento dei prezzi. “Tutto si è compiuto in questo giorno e nella notte - scriveva il segretario della Cgil il 31 luglio 1992 sul suo diario - Giovedì, per ventiquattro ore un negoziato estenuante e insidioso con il governo che fa praticamente da portavoce e da mediatore della Confindustria. Assalito a colpi di insulti da Abete e dai suoi tirapiedi, Amato si aggrappa disperatamente a loro per trovare una via d'uscita che salvi la sua immagine e il negoziato nel quale si è avventurato, fidandosi dell'arrendevolezza del sindacato e del corrispondente bisogno d'immagine dei burocrati della Cisl e della Uil. Il fronte sindacale si sgretola rapidamente. (...) Mi sono trovato assediato" Quello stesso giorno Trentin lascia la segreteria generale della Cgil.

La conferenza

La Cgil di Bruno Trentin: il sindacato dei diritti

Ilaria Romeo

Pochi mesi dopo essere stato eletto segretario generale della Cgil, Trentin spiega perché vuole farne un sindacato nuovo, dei diritti e della solidarietà. "C'è bisogno, specialmente oggi, di una deontologia del sindacato che dia credibilità e certezze ai lavoratori e che lanci ai giovani che vogliono cimentarsi con questa prova il messaggio che lavorare per la Cgil e nella Cgil non è un mestiere come un altro, ma può essere, può diventare una ragione di vita”. Era il 1989 e sembra oggi