Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Tribunale di Roma: Cgil-Cisl-Uil, a rischio chiusura

Il Tribunale di Roma al limite del collasso
  • a
  • a
  • a

I sindacati: "Siamo pronti alla mobilitazione. Servono risposte concrete e immediate su organici, carriere, spazi, strumentazioni di lavoro. Malgrado gli sforzi dei lavoratori, verranno ridotti servizi, cancellerie, udienze e orari d'apertura al pubblico"

Dopo la denuncia delle organizzazioni sindacali sulle carenze di organico al Tribunale di Roma, e l’esclusione dal confronto di fine novembre delle sigle territoriali di Cgil, Cisl e Uil, confronto fortemente voluto e sollecitato dalle stesse, la presidenza del Tribunale, con una nota del 10 dicembre, convoca un nuovo incontro, sempre rivolgendosi unicamente alle sole Rsu.

“Ribadiamo – dichiarano i segretari generali di Fp Cgil Roma Lazio, Giancarlo Cenciarelli, Cisl Fp Roma Capitale Rieti, Giancarlo Cosentino, Uilpa Roma e Lazio, Maurizio Narcisi – che i temi in discussione sono tanti e di enorme rilevanza. Le soluzioni presentate alle Rsu sono inadeguate nei tempi e nei numeri: manca un progetto complessivo e le criticità non hanno solo una ricaduta locale, ma sul funzionamento dell’intero sistema giudiziario italiano. Il tema è complesso e serve un confronto con i vertici, a tutti i livelli. Non solo carenze di organico - al Tribunale di Roma sono state già perse 400 unità, di tutti i profili professionali , dai cancellieri agli ausiliari fino alla dirigenza -, ma anche carriere bloccate, spazi inadeguati, strumentazioni insufficienti. Nonostante gli sforzi di lavoratrici e lavoratori, sono seriamente a rischio di chiusura servizi e cancellerie, e verranno ridotte le udienze e gli orari di apertura al pubblico”.

“Per la grave violazione delle relazioni sindacali, delle norme contrattuali che regolano la partecipazione e il confronto, e per il persistere del mancato riconoscimento della titolarità del tavolo, abbiamo avviato un’azione legale di diffida all’amministrazione. Servono risposte concrete e immediate, non si possono sottovalutare così questioni che potrebbero bloccare un Tribunale come Roma, nodo centrale dell’intera giustizia italiana. Siamo pronti alla mobilitazione: valuteremo insieme alle strutture nazionali le successive azioni a tutela dei lavoratori, dei servizi ai cittadini e per il rispetto delle prerogative sindacali. La nostra è una battaglia per la giustizia”, concludono i sindacati.