Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

La sentenza

Stefano Cucchi: il tempo della giustizia

Foto: facebook Ilaria Cucchi
  • a
  • a
  • a

La Corte d'appello di Roma conferma le condanne per i due carabinieri colpevoli per il pestaggio di Stefano Cucchi, il giovane ragioniere morto nelle mani dello Stato  il 22 ottobre del 2009. Aumentata anche la condanna come richiesto dal procuratore generale Roberto Cavallone: tredici anni per entrambi, riconosciuto l'omicidio preterintenzionale. Immediata la reazione della sorella Ilaria, volto simbolo della lotta per la giustizia in nome di Stefano. "Il mio pensiero va a Stefano e ai miei genitori che oggi non sono qui in aula. È il caro prezzo che hanno pagato in questi anni" - ha commentato.

Leggi anche

L'omicidio

Dieci cose da non dimenticare sul caso Cucchi

Ilaria Romeo

Undici anni fa, a una settimana dall'arresto, moriva Stefano Cucchi. Ridotto pelle e ossa, trentasette chili di ragazzo, coperti da lividi, ecchimosi e fratture. Moriva nelle mani dello Stato


Fabio Anselmo, avvocato di parte civile, ha aggiunto "Il nostro pensiero va ai procuratori Giuseppe Pignatone, Michele Prestipino e Giovanni Musarò, dopo tante umiliazioni è per merito loro che siamo qui. La giustizia funziona con magistrati seri, capaci e onesti. Non servono riforme". Un chiaro riferimento alle polemiche suscitate dall'ultima proposta lanciata dal leader della Lega Matteo Salvini che, tra l'altro più volte, è intervenuto a gamba tesa sul caso di Stefano Cucchi.

Leggi anche

Stefano Cucchi

Un'umanità in marcia

Davide Colella

In corso a Roma il 6° memorial dedicato al giovane geometra ucciso di botte da due carabinieri nell'ottobre del 2009. Prevista per domani una staffetta dei diritti: undici tappe per altrettante battaglie di civiltà ancora da combattere