Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

In prima linea

Fp Cgil e Fp Medici Pesaro Urbino: stop alle aggressioni fisiche e verbali al personale sanitario

Pronto Soccorso © Marco Merlini Roma, 20 marzo 2020 Pronto soccorso
Foto: Marco Merlini
  • a
  • a
  • a

Solidarietà dei sindacati nei confronti degli operatori della sanità oggetto di violenze fisiche e verbali e chiedono provvedimenti esemplari: chi ha scelto quella professione è sempre dalla parte dei pazienti

"Da giorni stiamo assistendo a una escalation di aggressioni fisiche e verbali nei confronti del personale sanitario: sono stati insultati per essersi sottoposti al vaccino, sono stati aggrediti mentre svolgevano la propria attività di presa in carico territoriale come nel caso del personale delle Usca, sono stati oggetto di violenza fisica e verbale mentre stavano prestando soccorso come nel caso del personale medico e paramedico del 118, del Dea e di radiologia". A denunciare questa escalation, per altro non nuova in molti territori del nostro Paese, è una nota firmata da Ketty Pesaresi, Vania Sciumbata, Massimo Ragni, Carlo Ugolini, della Fp Cgil Medici e della Fp Cgil Pesaro Urbino. 

"Purtroppo non è la prima volta e, salvo una breve parentesi nel corso della quale sembrava essersi innescato un meccanismo virtuoso di riconoscimento del ruolo e dei sacrifici, il personale della dirigenza e del comparto è tornato ad essere oggetto di frustrazioni ed aggressioni da parte di chi non vuole o non riesce ad ottenere la cura necessaria".

"Da anni - scrivono le organizzazioni sindacali - denunciamo che i tagli alla spesa sanitaria producono danni irreparabili alla salute dei cittadini ed alla sicurezza dei lavoratori. Il personale sanitario sta affrontando questa pandemia dopo aver assistito a decenni di tagli sul personale e di errori di politica di programmazione degli accessi alle professioni; gli effetti di queste scellerate politiche sono sotto gli occhi di tutti: stalli nelle assunzioni, difficoltà a garantire il turn-over, mancato rispetto delle norme sui riposi, diminuzione delle risorse a disposizione per la prevenzione e la medicina territoriale".

"Nell’esprimere la nostra vicinanza e solidarietà a tutto il personale sanitario ed in particolar modo a coloro i quali hanno sopportato episodi di violenza, (quasi sempre  contro le donne) - concludono - chiediamo l’adozione di provvedimenti esemplari anche alla luce delle recenti evoluzioni legislative ma soprattutto ricordiamo a tutti che chi ha scelto di esercitare la professione sanitaria ha fatto una scelta di campo: stare dalla parte del paziente affrontando enormi sacrifici personali e familiari come la pandemia ci ha insegnato: non dimentichiamocene".

 

 
 
 
Area degli allegati